Lunedì 02 dicembre (ore 17,30) presso la PSB srl in Via Medina 5 ci sarà una tavola rotonda,  organizzata dalla associazione Giano Melchisedek; Il tema è interessante ed attualissimo:

"Problemi scientifici,etici-giuridici, sociali e teologici nella maternità surrogata: quale comunicazione offriamo"?

“La dissoluzione della paternità e della maternità, che si preferirebbero trasferite al laboratorio o perlomeno ridotte a un puro momento biologico sono intimamente legate alla dissoluzione della figliolanza. Lo è nella sua realtà concreta, e questa è relazione: lo è come padre, madre, figlio. Sono immagini che esigono l’‘immagine’ e in questo possono diventare presenza di Dio o la sua ‘morte’. Il divenire uomo e la  conoscenza di Dio sono tra loro inseparabili, proprio perché l’uomo è l’‘immagine’ di Dio. Distruggere l’essere umano significa compromettere l’immagine stessa di Dio. Questo è il programma della "hybris" che vuole allo stesso tempo sottrarre l’uomo alla sfera biologica per renderlo lì nuovamente schiavo. “

Si ricordino le parole di Papa Benedetto XVI  da "Il Dio di Gesù Cristo"

 “Coloro che sono nati sono destinati a morire; e i morti a rivivere; e i vivi ad essere giudicati affinche' si sappia, sia fatto conoscere e si abbia la consapevolezza che egli e' Dio, egli e' il supremo fattore, egli e' il creatore, egli e' l'onniscente, egli e' il giudice, egli e' il testimone, egli e' l'accusatore, egli e' colui che emettera' la sentenza. Benedetto sia colui nel quale non esiste ne' ingiustizia, ne' dimenticanza, ne' riguardi, ne' corruzione. E sappi che tutto e' secondo il conto; e la tua immaginazione non ti lusinghi a credere che la tomba sia per te un rifugio! Perche' contro tua voglia tu fosti creato, contro tua voglia tu vivi, contro tua voglia tu morrai, e contro tua voglia tu sei destinato a rendere conto e ragione dinanzi al supremo re, il santo, benedetto egli sia.”

Parole dure, sentite ed apprezzate da molti cattolici.

Ci saranno Luigi Carfora, presidente della associazione; Gabriele Esposito, vice presidente dell'ordine degli avvocati;

Brunella Cimadomo giornalista; Raffaele Sinno, docente di bioetica in diverse università; Paolo Haim Ferrara

Cardiochirurgo; don Luigi Castiello. Le conclusioni saranno dell'on. Paolo Russo