Due cittadini italiani hanno esploso nella giornata di ieri due colpi di armi da fuoco contro le finestre di un centro antiviolenza in via bosco degli Alvari, a Roma, dove era ospitata l'ex compagna di uno degli uomini che lo Aveva già denunciato per stalking.

In mattinata, lo stalker aveva già cercato la donna presso un altro centro antiviolenza, aveva minacciato e percosso una persona in un bar nelle vicinanze puntandogli l’arma alla testa per due volte al fine di farsi dire dove si trovasse la compagna.  Aveva anche minacciato il figlio della donna.

Così, in prossimità del centro di accoglienza, l'uomo aveva esploso colpi in aria. Dopo pochi minuti è stato intercettato e fermato dalle volanti della Polizia di Stato 14 Colombo e Zara Como 50 insieme a un'altra persona armata di machete.

Sottoposti entrambi a fermo di pg, gli agenti hanno rinvenuto il fucile con cui erano stati esplosi i colpi in casa dell'uomo a seguito di una perquisizione. Si tratta di un'abitazione di fortuna in cui era ospitato assieme al compagno armato di machete.