Una rappresentante del giornalismo vero, quello d'autore, capace di ridare dignità ad una professione troppe volte discussa ma che oggi vede centinaia di colleghi minacciati da malavita, politica e lobby : il riferimento è a Francesca Lagatta,  giovane direttrice del magazine "La Lince" che domani sarà premiata nella categoria "Giornalismo"con il Premio Nazionale UNIKAIROS, giunto alla sua seconda edizione.

L'associazione UniKairos nasce con il fine di promuovere la cultura ed il territorio e dopo una fortunata prima edizione del Premio Nazionale vede quest'anno a Cetraro un parterre di grande spessore culturale. Con Lagatta infatti saranno insigniti del riconoscimento per il settore "Giornalismo e Comunicazione" Florindo Rubbettino, Francesco Caroprese e Paolo Amedeo. Per la categoria "Arte e Spettacolo" l'ottimo Alessandro Rota. Infine per la sezione " Professione e legalità" Alberto Iannuzzelli e Klaus Davi.

Francesca Lagatta è attiva da molti anni  prima come blogger e successivamente come giornalista nell'ambito dell'inchiesta giornalistica.   Pur giovanissima (classe 1985) è giunta alla ribalta nazionale con inchieste ed iniziative che hanno contribuito ad una serie di importanti inchieste in Calabria e non solo.  Tra le sue iniziative i numerosi approfondimenti sull'annosa questione dell'Ospedale di Praia a Mare, il rapporto tra pedofilia e clero, il femminicidio e la cultura della valorizzazione del ruolo femminile nella nostra società,  la nuova ndragheta ed i legami con le altre forme di organizzazione mafiosa, gli scoop sulla politica del malaffare.  Il 2018 si conferma anno della definitiva consacrazione per la cronista calabrese a cui sono stati conferiti anche i prestigiosi riconoscimenti "Premio Donata Doni – Festival della Donna" e "L'impegno della donna nelle Istituzioni".

La ricerca della libertà di informazione ha portato Francesca Lagatta a fondare e dirigere da alcuni anni  "La Lince" tra i magazine più seguiti sull'intero territorio nazionale per ciò che concerne giustizia e lotta al malaffare.   Il "graffio" di Francesca domani marchio doc per una serata dedicata alla Calabria che tutti abbiamo nel cuore