Tutto pronto per la V edizione del Premio "Mario Fiore" riconoscimento attribuito dalla Sezione napoletana dell’Associazione dei Genieri e Trasmettitori dell’Esercito, nella sua funzione di raccordo tra mondo militare e civile, a varie personalità che si sono particolarmente distinte per l’attività svolta in Italia.   L'appuntamento è per il giorno 2 agosto 2019 a Praia a Mare, grazie al lavoro di Angelo De Presbiteris , Consigliere Comunale con Delega allo Sport ed ai Giovani, che è riuscito nella non facile impresa di portare in dota alla rinomata località marittima calabrese,  da sempre molto attenta alla cultura  ed al valore di uomini che hanno contributo alla crescita del nostro Paese, un premio molto importante. 

Secondo Angelo de Presbiteris " sono molto contento di vedere concretizzarsi un lavoro che ha visto preparativi molto lunghi proprio per la qualità della giuria e del parterre di premiati.  Il nostro comune è da sempre attento alla cultura ed alla valorizzazione di tutti gli uomini e le donne che quotidianamente offrono un contributo determinante per il nostro Paese. Invito tutti a partecipare all'iniziativa che sarà prima di tutto un grande spettacolo"

Tra i premiati dell'edizione 2019 il Presidente di Confartigianato Imprese Napoli  Enrico Inferrera, imprenditore di successo e guida degli artigiani napoletani che da qualche anno ha riscosso importanti successi come scrittore con il romanzo "Vite Bisestili" e la raccolta di poesie "Diversi Paralleli".  Inferrera è da sempre un uomo libero, capace di rappresentare appieno i valori del rigore e del rispetto per il territorio ed i suoi cittadini. Innumerevoli le iniziative promosse con Confartigianato e non solo nel settore della cultura, della moda, del lancio di nuovi talenti che rappresenteranno il futuro della nostra società. 

L’evento ha visto premiare nelle passate occasioni nomi illustri come il Comandante Logistico dell’Esercito Italiano Gen.C.A. Luigi Francesco De Leverano , Com.te della Divisione “ACQUI” Gen. D. Antonino Vittiglio,il Gen.B.Antonello De Sio Com.te e Capo del VI Reparto Sistemi C4I dello SME, Gen.B.Francesco Bindi Com.te del Genio.E.I, Il Gen.B. Diego Paulet Dir.re di Amm.ne dell’Arma dei Carabinieri Roma. C.Amm. Gian Paolo Sessa Ministero della Difesa, S.E.Cardinale Crescenzio Sepe,Dott.Luigi Mastrominico Procuratore Generale Prof. di Diritto Penale, Dott.Vincenzo Calise Vice Caporedattore della TGRCampania, ed ancora il Direttore Generale dell’Ente Autonomo Volturno Ing. Luca Brancaccio, la Presidente delle Giuriste Italiane e Vice Presidente Internazionale delle Giuriste (F.I.F.C.J) Prof.ssa. Avv. Anna La Rana, il Direttore dell’Istituto Storico dell’Arma del Genio Col. Giulio Milone.

Mario Fiore

Mario Fiore nacque a Napoli nel 1886 e, avviatosi alla carriera militare nell’esercito regio, col grado di capitano partecipò alla guerra italo-turca in Libia negli anni 1911-12 . Allo scoppio della prima guerra mondiale (1915), divenuto nel frattempo maggiore del Genio nel 79° Battaglione Zappatori, dopo tre anni di pericoli e di disagi fisici e morali, qualche mese prima dell’agognata vittoria, combattendo al comando del suo reparto, cadde a San Mauro Montello (Tn) il 17 giugno 1918.
Fu decorato con medaglia d’oro al valor militare alla memoria con la seguente motivazione: “Fulgida figura di soldato, ardente di patriottismo, fu costante esempio di abnegazione ai suoi dipendenti, sui quali ebbe sempre sicura ascendente. Comandante del battaglione ‘Zappatori del Genio’, accorso in linea con la fanteria in momenti gravi della battaglia, fu durante tre giorni di accaniti combattimenti, pere serena calma e cosciente sprezzo del pericolo, esemplare, mantenendo salda ed invitta la resistenza del suoi reparto. In un pericoloso infiltrarsi di mitragliatrici nemiche, trascinò a pronto ed impetuoso contrattacco quelli che lo circondavano e colpito al cuore.  Ancora nell’ultimo gesto incitava i suoi alla resistenza che fu dalla magnifica vittoria coronata”