"La politica è noiosa" dicono in molti, anche se quelli di Possibile hanno dimostrato che, in effetti, non è così. "Passione e creatività, anche la politica è bella" e tra una fetta di anguria fresca e i taralli accompagnati da una bella birra, i comitati di Casoria, Acerra e Salerno & provincia si sono riuniti a Vietri sul Mare, nel giorno di Ferragosto, per raccogliere le firme per presentare otto quesiti referendari nel 2016, in concomitanza con le elezioni amministrative. Quattro temi (scuola, lavoro, ambiente e democrazia) e otto sì, questo il grido di battaglia dei possibilisti. I referendum proposti da Civati e Possibile hanno un obiettivo ambizioso: riuscire ad abrogare il ddl scuola, il Jobs Act, l'Italicum e lo Sblocca Italia. Una bella battaglia, forse difficile dato che bisogna raggiungere 500000 firme entro il 30 settembre. Ma  quelli di Possibile, con tanta buona volontà, ci stanno provando in tutti i modi. E in questa "festa di mezza estate" hanno raccolto oltre 240 firme, senza rinunciare al divertimento. Perché, in effetti, la politica è veramente una cosa bella perché riguarda tutti noi e non dovremmo farcela rubare da nessuno.