Mark Hoppus incontra i fan
in foto: Mark Hoppus incontra i fan

I blink182 sono una punk-rock band americana composta da Travis Barker (batterista), Mark Hoppus (bassista) e Tom Delonge (chitarrista), formatasi nell'ormai lontano 1992. In questi anni, il trio ne ha fatta di strada: 8 album pubblicati, classifiche di vendite scalate più volte, premi ricevuti, sold out in tutto il mondo,mille emozioni tra cui anche un periodo di inattività, dal 2005 al 2008, conclusosi con la tanto sperata "reunion ". Potrei aggiungere altro, ma vi lascio concludere o approfondire la ricerca, sperando almeno di aver suscitato in voi un pizzico di curiosità che siate o non siate amanti di questo genere musicale. A questo punto, forse, vi starete chiedendo perchè vi sto scrivendo a proposito dei Blink182. La risposta la troverete nelle righe che seguiranno…

Il 15 marzo, assieme ad un gruppo di fan, ho incontrato Mark Hoppus mentre soggiornava a Venezia per una piccola vacanza. Nonostante la fama raggiunta, è una persona semplice, genuina, disponibile nell'incontrare i fan, fare foto assieme, firmare autografi, scambiare due chiacchiere e altro. E' qui che voglio soffermarmi, sul quanto sia stato meraviglioso con noi. Si è concesso senza uscire dall'hotel ricorrendo ad uscite secondarie o altro. Anzi, appena ha saputo della nostra presenza, nel giro di qualche minuto, ci ha raggiunti, più sorridente che mai. Non ha negato nulla a nessuno, cercando di accontentarci in tutti i modi  possibili. Per un attimo, ho avuto l'impressione di non avere una celebrità dinanzi a me, ma una persona , un musicista  che, dopo un'esibizione in un piccolo locale, si reca dagli amici di sempre per bere qualcosa assieme per concludere la serata in bellezza. Ha realizzato, con un piccolo gesto che non tutti fanno, cioè il regalarci 10 minuti del suo tempo da turista in terra veneta, il sogno di una generazione di ragazzi cresciuta con la musica dei blink182.

Concludo affermando la mia opinione  a seguito di questa favolosa esperienza da poco vissuta, la seguente: si può restare umili anche dopo aver raggiunto il successo massimo. Questa è la differenza tra chi fa musica, o altra attività sotto la luce dei riflettori, per passione e non solo per "vendere", per avere successo e soldi, materia vana per accontentare solo banali capricci.