Immersioni nel mare di Marsa-Alam

Mentre in passato, però, i turisti erano attratti prevalentemente dalle piramidi e dalla Sfinge, da qualche anno a registrare il boom di visitatori sono località balneari dotate di strutture d’eccellenza. Una di queste è Marsa Alam.

Situata sulla costa orientale dell’Egitto, fino alla fine degli anni ’90 era un piccolo villaggio di poche migliaia di abitanti, che vivevano di pesca, pastorizia, mentre la maggior parte lavorava nelle miniere d’oro presenti nella zona interna del deserto.

Il nome Marsa Alam (che ha ispirato quello di Marsala, in Sicilia) in arabo significa “la baia delle bandiere”, perché era consuetudine in questo villaggio esporre delle bandiere per aiutare i pescatori a

tornare sulla terra ferma.

Sulla scia del successo turistico registrato da Sharm el Sheikh e da altre località, come Hurghada, anche Marsa Alam decise di puntare sulle bellezze paesaggistiche del luogo per rilanciare l’economia locale. Per questo, nel 2001 iniziarono i lavori per la costruzione dell’Aeroporto Internazionale di Marsa Alam, che fu completato nel 2003. Da allora, quello che un tempo era un piccolo villaggio è diventato una delle mete turistiche più ricercate al mondo.

A favorire lo sviluppo del turismo contribuiscono le innegabili ricchezze paesaggistiche e naturalistiche, e la posizione. Situata in prossimità del Tropico del Cancro, Marsa Alam si affaccia sul Mar Rosso e sull’Arabia Saudita, nel punto esatto in cui il mare incontra il deserto del Sahara.

Palmeti, mangrovie, e uno dei mari più popolati al mondo, grazie alla presenza di una barriera corallina di rara bellezza, compresa all’interno del Parco Naturale Marino protetto Wadi el Gimal, completano il quadro di quello che è, a tutti gli effetti, un piccolo pezzo di Paradiso sulla Terra.

La natura e l’ambiente del Paese sono priorità per le autorità egiziane, che sostengono e promuovono solo un utilizzo sostenibile delle risorse naturali. Per fare questo, l’Egitto ha attivato una serie di politiche finalizzate al mantenimento delle aree protette del Paese, creandone anche di nuove, come il Parco Nazionale di Wadi el Gemal, che rappresenta, oltre a una ricchezza naturale, anche un’importantissima attrazione turistica. Ogni anno, migliaia di turisti visitano le aree di terra e quelle marine che compongono il Parco, magari pernottando al Gorgonia BeachResort, una delle strutture più grandi e importanti di Marsa Alam.

 Gorgonia BeachResort

Con il passare degli anni, visto il grande successo registrato, a Marsa Alam sono nati molto hotel di lusso, resort, villaggi turistici, capaci di attrarre sempre più visitatori grazie ai servizi offerti.

Un ruolo importante lo ricopre anche il porticciolo Port Ghalib, dove, oltre alle strutture ricettive e ai ristoranti stellati, c’è uno spazio di ormeggio per gli yacht di circa mille posti. Il fatto che, ogni estate, siano sempre tutti occupati, la dice lunga sul turista-tipo di questo villaggio.

Marsa Alam è meta ambita dagli appassionati di immersioni. Se volete vivere un’esperienza indimenticabile vi consigliamo di affidarvi a esperti di nuoto subacqueo e di immersioni per andare a visitare la barriera corallina. Resterete ammaliati da cotanta bellezza, e potrete imbattervi anche in splendidi esemplari di delfini e squali martello. Per gli amanti del mare Marsa Alam è come ricevere i regali di Natale a luglio: una vera sorpresa.

Chi pratica kitesurf non potrà che innamorarsi del mare di Marsa Alam, perfetto per praticare questo sport. Anche se tutto appare “occidentale” in queste località, non dobbiamo dimenticarci che l’Egitto si trova in Africa, e visitare il continente nero senza organizzare esplorazioni e safari è un po’ come andare a Roma e non vedere il Papa.

Se siete stanchi delle solite vacanze e volete vivere esperienze nuove e appaganti, Marsa Alam è il luogo perfetto per voi.