Appuntamento per giovedì 7 febbraio 2019, il ristorante Alfredo alla Scrofa per Every Child Is My Child Onlus, celebra il IV° National Fettuccine Alfredo Day con una speciale charity dinner a sostegno dell’infanzia.

Un gesto d’amore: è questo il tema scelto per il IV° National Fettuccine Alfredo Day dal ristorante romano Alfredo alla Scrofa. Istituita dal National Day Calendar nella giornata del 7 febbraio, questa importante ricorrenza rende omaggio alle fettuccine Alfredo, un piatto apprezzato dallo star system italiano e internazionale, dalla Belle Époque, alla Dolce Vita fino ai nostri giorni.

Nato dall’amore di Alfredo per la moglie debilitata dalle fatiche post partum, le fettuccine fatte con uova, burro e parmigiano e sapientemente mantecate, sono un piatto rigenerante e dal sapore unico. Da questo ‘gesto d’amore’ prende il via il desiderio di Mario Mozzetti e Veronica Salvatori –  attuali proprietari del ristorante Alfredo alla Scrofa in Roma dove è nato il piatto – di realizzare per la quarta edizione del National Fettuccine Alfredo Day, la charity dinner per Every Child Is My Child Onlus.  L’associazione senza scopi di lucro ideata dall’attrice Anna Foglietta nel 2017, vede coinvolti attori, cantanti, musicisti, artisti e cittadini. Attraverso l’hashtag #everychildismychild, la Onlus realizza eventi e iniziative benefiche per finanziare progetti a sostegno di bambini costretti a vivere in situazioni di grandi difficoltà, tra cui la Plaster School a Reyhanli che ospita ad oggi cinquantacinque bimbi.

“La fettuccina Alfredo nasce da un gesto d’amore e, quindi, abbiamo pensato che contribuire a una buona causa attraverso una charity dinner fosse il perfetto prolungamento di un atto d’amore. Attraverso il National Fettuccine Alfredo Day – raccontano Mario e Veronica – vogliamo riportare a Roma e in tutta Italia questo importante piatto che, nel corso dei decenni, è diventato filoamericano. Vogliamo far conoscere la ricetta originale fatta solo con burro e parmigiano. C’è poi – aggiungono –  una dinamica di mantecatura e preparazione delle fettuccine ben precisa che lo rendono un piatto unico”.

Durante la serata saranno presenti diversi attori e registi italiani di Every Child Is My Child tra cui Max Bruno, Andrea Bosca, Martina Colombari, Paola Cortellesi, Paolo Genovese, Edoardo Leo e Vittoria Puccini che intratterranno il pubblico che prenderà parte alla serata benefica. Il costo della donazione è pari a 100,00 euro, tutto il ricavato della cena verrà totalmente devoluto alla Onlus.

“ Every Child è un pensiero che nasce dall’esigenza, forte, di mettere a servizio dei bambini che soffrono la nostra piccola o grande notorietà. Raccogliere fondi da destinare di volta in volta a progetti che si occupano della tutela dei minori è in cima alla lista dei nostri pensieri ma anche sensibilizzare le persone per creare una società dove il messaggio del ‘fare del bene’ diventi un inno comune e, da quello ripartire per scoprire l’umanità che è dentro ognuno di noi. Oggi ci occupiamo di bambini siriani ma ci sono tante, troppe zone d’ombra dove l’infanzia non è protetta e dove i bambini lottano quotidianamente contro i mostri della guerra, della fame, della malnutrizione e della povertà educativa. Every Child is My Child Onlus sarà sempre al centro di chi soffre davvero” dichiara Anna Foglietta, Presidente di Every Child is My Child Onlus.

ll IV° National Fettuccine Alfredo Day coinvolgerà, inoltre, noti chef e influencer del settore enogastronomico come Max Mariola, Luisanna Messeri, Andrea Fassi e tanti altri che sosteranno l’iniziativa e presenteranno la loro interpretazione delle fettuccine sui loro social. Per conoscere tutti coloro che saranno coinvolti nel progetto è possibile consultare la pagina facebook dell’evento.

LA STORIA DELLE FETTUCCINE ALFREDO

Sono passati 105 anni da quando nel ristorante di via della Scrofa a Roma, Alfredo di Lelio realizzò per la prima volta le fettuccine a sua moglie debilitata dal parto. È qui, in una delle vie più antiche della Capitale, che la ricetta è nata ed è stata tramandata nel corso degli anni, tanto da divenire un piatto simbolo della cucina italiana nel mondo.

I primi ad accendere i riflettori sulle fettuccine furono gli attori del cinema muto Mary Pickford e Douglas Fairbanks che le assaggiarono nel ristorante di via della Scrofa, durante il loro viaggio di nozze a Roma negli anni ‘20. I coniugi rimasero talmente entusiasti che, rientrati negli States, ne parlarono con tutti i loro colleghi attori e, in segno di affetto, inviarono ad Alfredo un cucchiaio e una forchetta in oro con incisi i loro nomi.

Ancora oggi, le posate – custodite nel ristorante di via della Scrofa – vengono usate per la mantecatura delle fettuccine nel piatto di portata. “Il mantecatore è colui che riesce a trasformare il piatto di fettuccine nelle fettuccine Alfredo attraverso una gestualità che ha un tecnicismo maniacale che fa la differenza” racconta Mario Mozzetti.

Grazie alla promozione dei due attori, i più celebri personaggi dello spettacolo italiano e internazionale hanno varcato le porte del ristorante di via della Scrofa e degustato le fettuccine Alfredo che sono diventate un piatto iconico della cucina italiana nel mondo. “Ci siamo resi conto che in Italia il piatto è poco conosciuto mentre, in America, le fettuccine Alfredo si mangiano con il pollo e con il pesce senza conoscere la ricetta originale” precisa Veronica Salvatori. Da qui è nato l’intento di sensibilizzare i clienti sulla reale storia e la vera ricetta delle fettuccine, partendo in primis dalla Citta Eterna, luogo d’origine del noto piatto, per poi oltrepassare i confini nazionali con nuovi e interessanti progetti in arrivo.
Parmigiano Reggiano è main sponsor dell’evento “Un Gesto d’Amore”.

Contatti e prenotazioni:
Alfredo alla Scrofa
Via della Scrofa, 104/A
Tel. 339.4878070