La politica europea ha poco effetto sulla situazione odierna perché mancano i mezzi (e a molti individui anche le conoscenze) per gestire questa crisi.

L'Europa (del sud) è in una depressione economica non in recessione… come si esce da una situazione così?

In caso di recessione la cosa più semplice è abbassare i tassi d'interesse.

In caso di depressione è necessario operare un mix di politica monetaria e fiscale. Come possono i paesi dell'area Euro che hanno ceduto la loro sovranità monetaria a Bruxelles, gestire la situazione?

I commenti e le promesse dei politici dall'area euro non contano niente perché questi politici non hanno i mezzi per portarci fuori da una depressione.

E così ci troviamo nel folle paradosso odierno, nel quale, Bruxelles non ha alcun potere fiscale, e le altre capitali Euro non hanno alcun potere monetario.

Il credit spread di Italia e Spagna (la Grecia ormai se la sono già dimenticata) non è causato dalla loro posizione debitoria in relazione al PIL, altri paesi come Usa e Giappone hanno situazioni analoghe o peggiori. Il credit spread è alimentato dalla impossibilità di questi paesi di stampare denaro. Lo possiamo solo prendere a prestito al tasso che altri decidono per noi.

In Europa ci sono circa 2 trillioni di perdite legate a prestiti e mutui. Il nuovo strumento di salvataggio, Esm più Imf, non supererebbe gli 800 bilioni. Semplicemente non ci sono i fondi per coprire il buco e allora cosa si inventa Bruxelles?

L'Omt, ovvero come consegnare la sovranità fiscale attraverso la clausola della Condizionalità, al parlamento Europeo e tanti saluti a tutti.

Però non è così semplice, in questa grande moneta intelligente che è l'Euro ci sono paesi debitori si, ma anche creditori come la Germania… la quale non ha tanta voglia di cedere la propria sovranità fiscale a Goldman Sachs opsss Bce.

Le depressioni economiche sono quei momenti, nella vita di un ciclo economico, in cui non è più possibile accumulare debito e si deve di conseguenza iniziare a rientrare, (deleveraging). Questo processo è estremamente recessivo, un pò come rallentare una macchina in corsa.

In Europa può avvenire in 2 modi:

1) Con un passaggio Fiscale = la Germania paga per tutti e ci trasferisce parte della sua ricchezza

2) Con Austerità = le banche iniziano a rientrare dal settore privato e il settore pubblico riduce la spesa (più velocemente lo fanno e più violenta è la depressione). SI PERDONO POSTI DI LAVORO E LE AZIENDE CHIUDONO IN FRETTA. La soluzione che stiamo attuando ? una politica monetaria centralizzata espansiva (aumento del costo della vita: cibo-benzina) e un'austerità periferica (perdita di occupazione).

I 2 punti sopra andrebbero attuati insieme permettendo ad una nazione un lento, e il più possibile dolce, deleveraging,con una conseguente riduzione del rapporto Debito/Pil.

I paesi Euro non possono farlo…. e in più, non potendo stampare la moneta sono anche costretti a pagare un credit spread improponibile.

In una situzione di Deleveraging ideale il pil nominale dovrebbe essere superiore al costo di accesso al credito (vedi Usa).

Per cui se il PIL aumenta di 1 punto dovrei potermi finanziare allo 0,8% per esempio… In Italia il pil è -2% e ci finanziamo a + 6%… direi che ci balla un 8% annuo…

Lo scenario a cui ci stanno portando? Sud-America e altri 10-15 anni di impoverimento…

Poi li senti in televisione… e hanno tutti sempre ragione…