Marchigiana, sarda per metà e romana d'adozione, mi laureo in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. Non contenta, persevero: la tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella "primavera araba". Ho scritto per alcune testate locali marchigiane, lasciato parecchie tracce sul web e sono stata analista televisiva a TvTalk, grazie a cui ho realizzato il sogno di cazzeggiare davanti alla tv sfoggiando una parvenza di intellettualità. Nel tempo libero disegno, ma sempre buttando un occhio a quello che nel frattempo succede in rete.
TWITTER

Irene Natali

Gianni Morandi: l’educazione dell’antitroll
Salvini “desnudo”: in felpa e cravatta verde per essere come noi
Selfie, dai bagni allo Zingarelli
I tribunali di Barbara D’Urso, tra cronaca ed eredità
Donne in rete: l’informazione in costume
Caso Gambirasio: l’identità di un omicidio attraverso il gossip
Europee 2014, greatest hits
Tv e handicap, c’è di più
Spinoza e simili: la finta satira del web