D) Ciao Andrea e grazie per avermi concesso quest’intervista. Ci spieghi in poche parole che cos’è Insurvisor?
R) Insurvisor è il primo social marketplace delle assicurazioni. Uno strumento ideato sia per i fruitori che per gli operatori di questo settore. Attraverso il portale i professionisti delle assicurazioni, non solo agenti e intermediari, ma tutti i soggetti che rappresentano questa filiera (medici, avvocati, fisioterapisti, carrozzieri) hanno la possibilità di aprire una vetrina digitale, social, su scala nazionale ed essere poi  recensiti dagli utenti non solo sul fattore prezzo, come accade sui siti di comparazione, ma anche e soprattutto sulla qualità del servizio offerto in modo tale da aumentare il proprio giro di affari e stringere collaborazioni con altri professionisti.

D) Come nasce Insurvisor?
R) Insurvisor nasce principalmente con lo scopo di svecchiare e rendere più dinamica la filiera assicurativa. Lavoro da sempre nel settore e i problemi maggiori che ho riscontrato durante la mia carriera è la mancanza di uno strumento che desse reale valore aggiunto alla nostra professione, giudicata quasi sempre dai costi, la difficoltà di ampliare il proprio giro di affari, che si basa storicamente sul passaparola, e quella di reperire validi collaboratori sul suolo nazionale

D) Come si è sviluppato il progetto
R) Dopo un’attenta analisi di mercato e un investimento da un milione di euro, abbiamo debuttato online nel mese di Maggio. Attualmente contiamo più di 2000 utenti, in crescita ogni giorno e centinaia di recensioni. Da qualche giorno abbiamo lanciato la versione 2.0 molto più agile e intuitiva sia per gli operatori sia per gli utenti.

D) Qual è il vostro business model?
R) La nostra fonte principale di monetizzazione deriva dai pacchetti premium che offriamo ai professionisti grazie ai quali possono rispondere alle recensioni, leggere le analisi sulle visite al proprio profilo e tutte quelle funzionalità indispensabili per elaborare nuove offerte, cambiare strategie di mercato e migliorare i servizi

D) Quali sono i vostri competitor / modelli?
R) Come ho detto prima, Insurvisor nasce per sopperire alle mancanze di questo settore. È ovvio che la nostra sfida è quella di far capire agli utenti che un servizio non può essere giudicato solo dal prezzo – come avviene per i comparatori i quali non consideriamo competitor bensì attori complementari – ma soprattutto dalla qualità del servizio erogato. Il sistema delle recensioni, strumento utilissimo di verifica e controllo per una scelta consapevole, lo abbiamo tratto da altre realtà che in questo sono state pioniere, quale Tripadvisor, per fare un esempio

D) Quali sono gli obiettivi futuri?
R) Al momento stiamo consolidando la nostra presenza sul territorio italiano, che è quello che conosciamo meglio. Siamo in contatto con diverse associazioni di professionisti del settore per diventare un vero e proprio punto di riferimento in Italia. Nel 2015 puntiamo a espanderci in altri paesi e abbiamo già dei contatti avviati in Spagna, Svizzera e Austria.

Grazie Andrea e in bocca al lupo con Insurvisor!