Immagina di immergerti tra stucchi barocchi e affreschi liberty che tempestano un antico palazzo nel centro di Roma.

Prendi una dose di quell’intrigante mistero, condito da un pizzico d’eccentricità, regalato da un capolavoro della letteratura come “Dieci piccoli indiani” di Agatha Christie.

Respira l’atmosfera bizzarra e l’umanità stravagante fissata sul grande schermo da Wes Anderson in “The Grand Budapest Hotel”, tra scrupolosi concierge e governanti pettegole.

E poi shakera il tutto con il più seducente e floreale dei gin.

Ti ritroverai esattamente all’ingresso dell’Hendrick’s Unusual Hotel.

È questo l’ultimo bizzarro allestimento messo a segno da Hendrick’s Gin nel cuore della Capitale per presentare la Limited Realease: Midsummer Solstice, la versione più floreale e rifrescante del tradizionale gin scozzese ideata da miss Lesley Gracie, creatrice e maestro distillatore di Hendrick’s, che si è fatta ispirare dalle qualità uniche e misteriose di un bouquet di fiori con rose, cetriolo, frutti e spezie pregiate inseguendo gli aromi tipici del solstizio d’estate (il giorno più lungo dell’anno).

Per l’occasione Hendrick’s ha scelto il seicentesco Palazzo Cavallerini Lazzaroni, sede della galleria d’arte contemporanea Contemporary Cluster, per trasformarlo in un albergo fuori dal tempo, popolato da imprevedibili personaggi (interpretati dal talento di una giovane compagnia di attori che si aggira tra gli ospiti per condurli alla scoperta dell’Hendrick’s Unusual Hotel), dove tutte le stanze sono state riservate dall’enigmatico Mr. Gracie: in pochi sanno chi sia, ma quel che è certo è che ama organizzare feste per stupire i suoi invitati. Seguendo questo surreale filo rosso, Hendrick’s ha sviluppato per il pubblico romano due serate tra performance teatrali, sperimentazioni alchemiche, musica e mixology d’autore pronte a invadere i tre piani del palazzo.

Al piano terra sorge un’autentica hall, con tanto di reception e l’Apothecary Bar che dispensa una drink list composta da quattro cocktail a base dell’inconfondibile Hendrick’s Gin Original. Passando al primo piano s’incontra invece il sofisticato bancone dedicato al gin & tonic. E continuando a salire fino al secondo livello si raggiunge l’Hendrick’s Curiosity Floor, dove gustare l’esclusiva drink list di cocktail pre-bratched, confezionati come magici elisir in bottigliette di vetro e firmati da Patrick Pistolesi (proprietario e bar manager di Drink Kong, il locale Rivelazione del 2019 secondo la prestigiosa classifica mondiale dei 50 Best Bar).

E in ogni piano dell’albergo immancabile la musica: dal dj set tra swing, jazz e tropical house di Fabio Ottaviani che accoglie gli ospiti nella hall fino al concerto ospitato nel più alto Midsummer Garden con il Trio Improvviso, l’ensemble d’archi composto dal violino di Andrea Macko, la viola di Ambra Chiara Michelangeli e violoncello di Jacopo Mosesso che trascina dentro panorami sonori inaspettati: dalla musica classica alla minimalista contemporanea, dalle colonne sonore del grande cinema agli inediti arrangiamenti di brani pop e dance anni Novanta.

Per un’esperienza immersiva nel mondo Hendrick’s, aspettando che da un momento all’altro il misterioso Mr. Gracie si conceda ai suoi invitati.

INFO

HENDRICK’S UNUSUAL HOTEL

Il 22 e 23 novembre 2019, dalle 18:30 alle 2:00 (con aperitivo e finger food fino alle 21) nello spazio Contemporary Cluster di via dei Barbieri, 7 – Roma.

Ingresso gratuito

Drink: 10 €

Elisir (bottiglia di vetro con cocktail pre-batched): 5 €