D) Ciao Gaspare e grazie per avermi concesso quest’intervista. Ci spieghi in poche parole che cos’è GeoStockPhoto?
R) GeoStockPhoto è una banca d’immagini georeferenziate. Fotografi (amatori e professionisti) possono mettere in vendita i propri scatti al servizio di professionisti dell’immagine quali grafici, editor, designer e giornalisti.

D) Come nasce GeoStockPhoto?
R) Marco Cannizzaro, uno dei fondatori di GeoStockPhoto, entra nel mondo del microstock come fotografo contributor. Con le foto scattate durante i suoi viaggi, riesce a guadagnare abbastanza da ripagarsi viaggi e attrezzature fotografiche, ma non è soddisfatto. Nasce così GeoStockPhoto che raccoglie prevalentemente foto di viaggi e dove la maggior parte dei guadagni vanno ai fotografi. Con queste idee, GeoStockPhoto nasce e cresce all’interno dell’I3P (Incubatore di Imprese Innovative del Politecnico di Torino).

D) Come si è sviluppato il progetto
R) Abbiamo speso quasi 2 anni per affinare il progetto e realizzare la piattaforma web. Il lancio della prima versione del sito è avvenuta a dicembre del 2012. Il sito non era ancora completo (non era possibile acquistare le fotografie, ma solo caricarle). Abbiamo avuto da subito feedback molto positivi così abbiamo continuato a lavorare. Ad oggi abbiamo 900 utenti registrati e quasi 30 mila foto caricate da ogni parte del mondo.

D) Qual è il vostro business model?
R) Semplice e simile a quello di tutti i nostri competitor: tramite la piattaforma web è possibile acquistare licenze di utilizzo delle foto, ad ogni acquisto noi tratteniamo una percentuale, tutto il resto va al fotografo che ha caricato la foto.

D) Quali sono i vostri competitor / modelli?
R) I nostri competitor sono tutti i microstock quali (tanto per citarne qualcuno): iStock, Shutterstock, Fotolia e 123RF. Poi c’è Panoramio che possiede la più grande banca d’immagini georeferenziate ma non fa nessuna selezione sulla qualità delle foto e non consente (ad oggi) la vendita di nessuna licenza di utilizzo.

D) Quali sono gli obiettivi futuri?
R) Nel breve periodo vogliamo coprire alcune zone del globo ancora scoperte e arricchire la nostra collezione di immagini dei luoghi (attualmente il 50% delle nostre foto sono di luoghi italiani).  Nel lungo periodo vorremmo allargare il nostro portfolio anche con foto di news e video.

Grazie Gaspare e in bocca al lupo con GeoStockPhoto.