Suonava i giocattoli da lui costruiti, in un progetto live elettronico chiamato Bella Chicco. Nel 2013 rompe i giocattoli, prende in mano la chitarra, fa uscire un primo EP. Seguono un disco (Una vita al Top), un singolo (Limone) e un altro disco, Ansia e Disagio, lanciato il 24 novembre 2017. Il tutto con più schiettezza che progettualità, più sorrisi che perbenismi. Perchè Giancane, il musicista romano cresciuto a San Paolo, è realista e genuino, ed è difficile non rimanerne colpiti sin dal primo ascolto. La sua critica sociale si mescola ad un linguaggio senza censure, che a sua detta lo autoesclude dalle mire delle case discografiche di oggi, ma non tarda a riempire di fan, cori ed entusiasmo i concerti (ultimo tra questi quello a Largo Venue, il 6 gennaio 2018). Lo abbiamo incontrato con Sound Meeter il giorno di Natale tra le strade del quartiere dove è cresciuto. Ci ha portato dal suo barbiere, il bar di vecchi, il pub di fiducia, tra gli angoli di mondo della sua quotidianità.
E ve lo raccontiamo così:

Regia e Fotografia di Giacomo Latorrata

Scatti dal concerto di Largo Venue, Roma

Giancane
in foto: Giancane