Cambia la location sede del Mondiale WorldSBK, ma non cambia il risultato in pista. Jonathan Rea centra l’ennesimo successo stagionale, il nono, e mette in tasca altri punti di vantaggio sul suo inseguitore Chaz Davies, oggi secondo al traguardo. Il distacco tra i due piloti è ormai di 80 punti, con solo ancora quattro round da disputare prima della fine del campionato.

Jonathan Rea in pista ha dominato dal primo all’ultimo giro, recitando nuovamente la parte del cannibale alla quale ci ha abituato nelle ultime stagioni. A poco è valsa la Superpole di Tom Sykes, scattato dalla prima casella, che deve fare subito i conti con il compagno di squadra. Sykes cede prima a Rea e poi a Laverty, a perfetto agio sull’Aprilia del Team Milwaukee, per poi retrocedere al quinto posto, posizione conservata fino alla bandiera a scacchi. Un peccato per l’ex iridato 2013, che nella prima parte di questo week-end al Misano World Circuit Marco Simoncelli ha trovato l’unica zampata vincente nella Superpole.

Crisi anche per Marco Melandri, per nulla incisivo in gara ed arrivato al traguardo in settima posizione. La Ducati Panigale del Team Aruba trova la rivalsa in Chaz Davies, che dopo aver a lungo seguito lo pneumatico posteriore di Laverty, passa in seconda posizione contenendo i danni, in termini di punti, da Rea, ormai saldamente in testa al Mondiale e sempre più pronto a riconfermarsi Campione del Mondo.

All photos © Fabrizio Carrubba