Parlamento di Budapest – Foto scattata con la Lumix GH5 (Panasonic)
in foto: Parlamento di Budapest – Foto scattata con la Lumix GH5 (Panasonic)

Se il primo giorno a Budapest lo abbiamo dedicato al quartiere di Buda, il secondo giorno nella capitale ungherese lo abbiamo riservato a Pest. Dopo un'ottima colazione nel nostro hotel, l'art'otel budapest – offerto gentilmente da Booking.com, ci siamo diretti verso l'appuntamento con la nostra guida locale (il servizio è compreso nella Budapest Card) che ci ha raccontato tante altre curiosità sulla città di Budapest. Dopo averla lasciata (il tour guidato è durata all'incirca due ore), abbiamo deciso di scoprire i luoghi più magici e più importanti del quartiere di Pest. Eccovi una breve guida sui punti più salienti della città da non perdere.

Ponte delle Catene – Foto scattata con la Lumix GH5 (Panasonic)
in foto: Ponte delle Catene – Foto scattata con la Lumix GH5 (Panasonic)
  1. Ponte delle Catene (Széchenyi Lánchíd). È il ponte più vecchio e indubbiamente anche il più noto di Budapest. Costruito nella metà del XIX secolo, fu progettato per collegare le due parti della città (Buda e Pest). Durante la Seconda Guerra Mondiale (1945) venne fatto saltare dai tedeschi allo scopo di bloccare l'avanzata delle truppe sovietiche; è stato poi ricostruito dalle autorità locali in concomitanza con il centenario dell'inaugurazione (1949). Al suo "ingresso" sono presenti dei leoni che rappresentano il re degli animali senza lingua.
  2. Palazzo del Parlamento. Il Parlamento di Budapest è il simbolo della città ed è una delle mete turistiche più famose del paese. Si trova sulla sponda del Danubio, dalla parte di Pest, ed è la sede attuale dell'Assemblea Nazionale Ungherese. Fu concepito nell'Ottocento per sottolineare l'indipendenza finalmente raggiunta. Ed è un puro riferimento al Palazzo di Westminster, situato nel centro di Londra.
  3. Mercato centrale di Budapest. È il più grande e il più antico mercato coperto di Budapest. L'idea venne al primo sindaco di Budapest, Karl Kamermayer. Tutt'oggi l'edificio offre una grande varietà di bancarelle su tre piani. Al pianterreno si possono comprare carni, dolci, caramelle, caviale, spezie come la paprica e vini come il Tokaji. Al secondo piano vengono ospitati soprattutto ristoranti, negozi di souvenir e uno stand che serve i lángos fritti. Al piano interrato, invece, vi è un supermercato e un ottimo mercato del pesce.
  4. Basilica di Santo Stefano. Progettata alla fine del XIX secolo, la basilica, di stile neoclassico, è la concattedrale dell'arcidiocesi di Budapest. La struttura è a croce greca; l'altezza invece è la stessa del Palazzo del Parlamento. Secondo le leggi vigenti, nessun edificio in città può superare la sede attuale dell'Assemblea Nazionale Ungherese.
  5. Piazza degli Eroi. È, senza alcun dubbio, una delle più importanti piazze di Budapest, ricca di elementi politici e storici. Si trova alla fine di Andrássy út, vicino al parco municipale Városliget. Assolutamente da non perdere.
Piazza degli Eroi – Foto scattata con la Lumix GH5 (Panasonic)
in foto: Piazza degli Eroi – Foto scattata con la Lumix GH5 (Panasonic)