ll grande Frank Sinatra cantava: “ I love to listen to the wind thoght her strings, the songs that she sings for the town” Il ponte di Brooklyn, icona universale della grande mela (assieme alla statua della Libertà ed al  maestoso Empire State Building) fu costruito alla fine del 19° secolo su progetto dell’ing. tedesco John Augustus Roebling. E ‘stato il primo ponte sospeso in acciaio mai realizzato e per molto tempo ha mantenuto il primato del ponte più lungo del mondo, collega il quartiere omonimo con la penisola di Manhattan. Questo piccolo racconto fotografico narra di una piacevole passeggiata sul suo accesso pedonale, chi corre, chi in bicicletta fa slalom tra turisti impazziti di foto e sorrisi chi invece, come me, si sofferma a cercare di scoprire gli angoli più nascosti di questo maestoso signore che da anni vigila sulla metropoli americana. Un taxi giallo che sfreccia tra una riva e l'altra dell' East River, il lucchetto lasciato da due innamorati, l’anziana signora che fa la calza mentre passeggia: momenti ,situazioni affascinanti e irripetibili che solo una città come New York può offrire. Con uno sguardo rivolto allo sky line, alla Freedom Tower (simbolo dell’orgoglio americano) e uno rivolto alla vita pulsante tutto intorno, il ponte è meta obbligatoria di chiunque che almeno una volta della vita abbia la fortuna di passare un periodo in questa splendida città.

Prossimo post: statua della Libertà e Empire State Building