dal blog di
11:53

VIP e social: intervista a Valeria Marini

I social sono stati ormai invasi dai cosiddetti VIP, che lo vogliamo o meno. Su Twitter poi non ne parliamo... ma anche sì, visto che per caso ho scoperto Valeria Marini. E l'ho spogliata a suon di domande.

VIP e social: intervista a Valeria Marini.

I social hanno rivoluzionato dinamiche relazionali e di acquisto, questo è un fatto. Ma non è di questo che voglio parlare.
I social ci hanno avvicinato un po’ tutti, dando voce a ogni singolo pensiero, per quanto inutile possa anche essere. Ma neanche di questo voglio parlare.
I social sono stati invasi anche dai cosiddetti VIP e sì, un po’ ne parlerei, ma non troppo, perché tra i miei passatempi preferiti c’è quello di prenderli in giro, che sono una brutta persona. Soprattutto su Twitter, a dire il vero, una piattaforma che ogni giorno acquista nuovi utenti e messaggi, l’ideale per permettere alle star di esprimersi in una lingua piena di refusi simile all’italiano. Questa lunghissima premessa per raccontare di un episodio che non mi sarei mai aspettato. O meglio: di un incontro fortuito con una VIP nazionale che, ammetto, mi ha fatto cambiare idea. Su di lei, non sui VIP, eh.

La storia vuole che su Twitter ci lavoro ed esprimo pensieri in libertà, ci discuto, scopro notizie e persone e in questo susseguirsi di parole ecco che Valeria Marini risponde a un mio messaggio. Ma è lei? Mah. Sarà un fake, mi dico. Poi qualche scambio rapido di commenti. Poi un DM. E poi… no, non le ho chiesto di uscire. Solo che l’idea di farle un’intervista mi solletica, magari le strappo confessioni inenarrabili, scoop parodistici o verità incontrollabili. Oppure un invito a cena, vamolà. Niente di tutto questo: Valeria si è dimostrata donna, prima che star. Uno scambio piacevole. Che oggi propongo qui, tra domande e risposte che mi hanno lasciato una bella sensazione di nudo, non quello della carne, bensì quello dei pensieri.

Soubrette, conduttrice, attrice, sex-symbol, stilista, imprenditrice… Hai “interpretato” diversi ruoli nella tua vita, ma se ti chiedessi una breve biografia in stile Twitter, come ti definiresti in 140 caratteri?
Un inesauribile vulcano di idee, oltre che una stakanovista, passionale e ambiziosa. Quanti caratteri ho usato?

A proposito di Twitter, hai aperto il tuo account il 27 marzo con pochi aggiornamenti e a giugno stai “cinguettando” molto spesso: cosa ti ha spinto a essere presente su questo social network? Cosa ti aspetti?
Inizialmente non lo conoscevo bene, lo usavo poco, poi i miei collaboratori mi hanno spiegato come funziona e ho cominciato a cinguettare. Mi aspetto di condividere le mie giornate con chi mi segue e di riempire le pause tra una scena e l’altra sul set. Mi piace fare parte di una comunità, seppur virtuale, ed è bello poter dialogare con i fan e i con curiosi direttamente dal mio iPad.

Il mondo dei social può essere un’arma a doppiotaglio per i “VIP”: più volte si sono trovati in mezzo a gaffe che hanno portato anche all’allontanamento dalle piattaforme. Qual è il tuo approccio? Ti fai consigliare? E avresti qualche consiglio per i tuoi colleghi?
È vero, capita che scrivano cose poco carine, ma io ci rido sopra … anche perché i complimenti sono sempre molti di più. Il mio approccio è semplice: cerco di essere educata, spontanea e di  dispensare consigli utili e spiritosi. Non so come andrà a finire, se mi stancherò, se finirò col fare gaffe, non importa, fa parte del gioco. Chissà, probabilmente twitter  è solo la moda del momento. Ai miei colleghi non saprei cosa consigliare, forse solo loro che dovrebbero darmi dei suggerimenti visto che a quanto pare su twitter sono l’ultima arrivata.

Su Facebook sono tantissime le fan page che ti ritraggono, inclusa quella ufficiale. Ma il tuo profilo vero c’è? Come lo usi?
Molte pagine di facebook che mi riguardano non hanno nulla a che fare con me. In realtà solo due pagine sono autorizzate e seguite da me e dal mio staff. Purtroppo non ho molto tempo da dedicare a facebook, quindi non adotto nessuna particolare strategia.

Hai mai vissuto momenti imbarazzanti o fastidiosi?
Sì, ho vissuto qualche momento fastidioso, soprattutto perchè facebook o twitter contribuiscono a diffondere in maniera virale le subdole manipolazioni dei giornalisti.

Gira la voce che tu abbia intenzione di entrare in politica e che vorresti riportare l’Italia ai tempi di Berlusconi…
I giornalisti travisano sempre e interpretano un po’ come fa comodo a loro. Non ho nessuna intenzione di dedicarmi alla politica, né di riportare l’Italia ai tempi di Berlusconi. E non aggiungo altro, dovesse venire fuori che ho appena costituito il partito delle bionde o dei baci stellari.

Sul tuo sito ufficiale c’è un “valeriamarinistore.com” che annuncia quindi il tuo ingresso nell’e-commerce: come mai questa decisione?
Sono entrata nel mondo della moda disegnando intimo sexy e molto femminile, poi abbigliamento. Ho aperto due boutique e un outlet, ma mi stimolava l’idea che chiunque, ovunque si trovasse potesse acquistare uno dei miei capi, senza dover cercare un negozio che li distribuisse. Lo stesso per il profumo, chi ha dimestichezza preferisce acquistarlo sul web a un prezzo più accessibile. Vorrei quindi diffondere il mondo Seduzioni che comprende una linea decisamente casual, ma sempre molto sexy. Nella vita frenetica di oggi è indispensabile essere presenti sul web, inoltre ho molte colleghe e amiche che acquistano abiti e cosmetici su internet, i più grandi stilisti vendono su internet, perché io dovrei snobbarlo?

Visto che fino ad ora sono stato molto professionale possiamo piazzare qui una tua bella foto in modo da riattivare i neuroni a chi legge?
Certo.

Se l’Italia uscirà dalla Crisi… farai uno spogliarello? Se te lo chiedo per 30 minuti di fila mi dirai di sì?
Ma non mi sono già spogliata abbastanza su twitter e sull’Isola dei Famosi?

Ok, torno serio: nella tua vita hai unito bellezza e capacità… secondo te, quanto conta la bellezza e l’intelligenza nel 2012?
Oggi come ieri contano entrambe tantissimo, sarebbe sciocco negarlo, ma l’intelligenza è sicuramente più utile . Devo ammettere che io spesso sono molto istintiva, dovrei essere più razionale per sfruttare al meglio le mie capacità.

E per concludere: un messaggio per tutti i fan o followers che siano?
Ovviamente baci e cinguettii stellari a tutti.

Approfondimenti: matteo bianconi

segui fanpage

segui matteo bianconi

ALTRI DI matteo bianconi
I social network replicano le relazioni umane sulla base digitale, ma l'evoluzione ha confermato che Einstein aveva ragione: tutto è relativo. E a “Che tempo fa? ” si può rispondere “Sono cipolle”.

Da pochi giorni è uscito il libro di Salvatore Russo "Scopri Google Plus e conquista il Web", un manuale di quasi 400 pagine che spiega passo dopo passo esattamente quello che occorre sapere per poter utilizzare al meglio Google Plus.

Aumentano i profitti dei pochi a discapito dei molti. Dove avete già sentito questa storia, pure? Ah, sì, pare stia capitando anche ora in Europa sul tema dei pagamenti elettronici.
STORIE DEL GIORNO