E' già un fenomeno web il progetto "UnaNapolialGiorno"iniziativa promossa da Michela Palmieri con la finalità di descrivere in maniera semplice e "street" il naturale processo di risveglio della città di Napoli. Un momento tanto atteso da generazioni, la quasi totale consapevolezza dei partenopei  in merito al ruolo di Napoli quale centro culturale, storico ed economico del Mediterraneo.   La politica, lo Stato, la Pubblica Amministrazione non sono strettamente legati a questa nuova Napoli. Ed è proprio questo l'ingrediente essenziale di una città che attraverso il "fare" dei cittadini, inizia a marciare ad una velocità consona ad una Capitale.

Abbiamo intervistato Michela Palmieri per capire sino in fondo cosa è UnaNapolialGiorno ed i suoi segreti.

Domanda. Michela che cosa è in sintesi UnaNapolialGiorno ?

Risposta. E' un progetto che  vuole abbattere un concetto deleterio per questa città, il famoso "tanto non cambia nulla".  Le cose possono cambiare se si fa qualcosa affinchè ciò accada. E questo sta accadendo. Dobbiamo dare fiducia a tutto ciò che è valore, come la nostra storia, l'architettura, la bellezza, il cuore della città di Napoli, ingiustamente sottovalutato e bistrattato.  UnaNapolialGiorno vuole raccontare questo cambiamento quotidiano e dunque la possibilità ogni giorno di vedere un Napoli diversa, in costante risveglio, fiera e conscia del suo essere capitale secondo logiche storiche, naturali e meritocratiche.

Domanda. Esistono su web molti progetti similari. Quali sono le novità rispetto al progetto UnaNapolialGiorno ?

Risposta.  Un punto di partenza è dare valore ai veri protagonisti della rinascita, ossia quelli che nascono dal "basso". Sono quotidiani e più di tanti altri vanno sostenuti, incoraggiati e soprattutto comunicati in maniera chiara, decisa e con un linguaggio semplice e fruibile.  In secondo luogo occorre essere innovativi. Per raccontare l'innovazione occorre necessariamente adoperare una comunicazione differente, in continuo sviluppo, dove i social network sono protagonisti di questo racconto. Mi permetto inoltre di rimarcare una terza caratteristica di UnaNapolialGiorno: noi vogliamo valorizzare la bellezza dei nostri luoghi, la capacità dei napoletani di essere vicini alle diverse culture. Questo processo di valorizzazione non può e non deve essere meramente commerciale. La cultura, l'arte, la pittura, la storia, la musica sono vere e proprie leve di sviluppo ed in quanto tali vanno azionate in maniera sapiente e consapevole, evitando luoghi comuni e dando valore al segreto di Napoli: ogni giorno sa essere diversa e soprattutto inaspettata.

Domanda.  Oggi esistono pagine social che stanno crescendo in maniera esponenziale. Le persone si iscrivono ad UnaNapolialGiorno in modo naturale. Quali sono gli sviluppi che avete programmato ? 

Risposta.  Un progetto per essere sostenibile deve partire per gradi. In questo momento noi abbiamo bisogno della condivisione dei napoletani rispetto alle logiche identitarie dell'iniziativa. Sicuramente parleremo delle iniziative sul territorio, daremo voce alla qualità, saremo attenti verso ogni forma di espressione culturale.  Quotidianamente sono in contatto con decine di associazioni che fanno tantissimo per la città di Napoli e che troppo spesso sono ignorate dai media.  Ecco noi partiamo proprio dalla valorizzazione di queste realtà.

Domanda. Quale è a suo giudizio, la forza di Napoli ?   

Risposta: La forza di Napoli è sempre è stata la resilienza, ossia la sua capacità millenaria di adattamento che ha consentito alla città di superare gli ostacoli.  Il passaggio che oggi vive la città di Napoli è trasformare questo dono in una nuova forza creatrice di tipo 3.0 ossia di cultura, eventi ed idee che viaggiano sul passaparola del web. 

Domanda.  Lei è molto giovane eppure è molto determinata affinchè UnaNapolalGiorno divenga un progetto condiviso. Cosa la motiva ? 

Risposta.  Per motivi di lavoro ho vissuto a lungo lontana dalla mia città.  Ora sono rientrata e la vedo diversa. E' come una bella donna  che decide di non lasciarsi andare, di non farsi piegare dai giudizi di chi non la conosce a fondo.  Ecco io voglio partecipare in maniera attiva a questa rinascita e lo voglio fare facendo rete, coinvolgendo tutti, nel rispetto dei ruoli e del fare.  Il nostro è un progetto collettivo.  Ci siamo già confrontati con persone che per questa città hanno fatto tanto: scrittori, filosofi, musicisti, imprenditori, operatori sociali.  Tutti saranno protagonisti di UnaNapolialGiorno affinchè ogni giorno si possa raccontare qualcosa di differente e di veritiero. 

Domanda.  Abbiamo letto l'hashtag  #unacosacosì.   Ci svela il segreto ? 

Risposta.  Certo (sorride). Quando abbiamo lanciato l'idea mi chiedevano tanti amici cosa fosse UnaNapolialGiorno. L'idea stava maturando e così rispondevo "una cosa così" . Oggi ancor prima di partire stiamo ricevendo tanti consensi. A giorni saremo on-line con il sito internet che si affianca alle pagine social. Vogliamo mantenere quello spirito goliardico che sino ad oggi ci ha permesso di lavorare in allegria, per un bene comune, per la nostra città.  Dunque UnaNapolialGiorno io la vivo come  "una cosa così" che nasce dalla passione e segue il cuore.

UnaNapolialGiorno su Facebook, Instagram, Twitter e prossimamente su Youtube.
Per segnalare eventi ed iniziative è possibile contattare i responsabili all'indirizzo redazione@unanapolialgiorno.it
Per eventuali proposte di collaborazione info@unanapolialgiorno.it