Bellezza è la ruga che ti ricorda il tempo che scorre, il trucco che cola uscita dalla doccia; è il segno del costume che sbiadisce, sistemarsi i capelli prima di uscire, ripassare prima di un esame; è quella cicatrice sul ginocchio, da quando pattinavi o giocavi a calcetto.

Bellezza è la diffidenza che cede il passo alla fiducia, la curiosità che sconfigge la paura; è quando ti accorgi che la forza di cui hai bisogno è già in te stesso e non devi più cercarla, invano, in chi ti circonda.

Bellezza è non riuscire a smettere di sorridere, ma con gli occhi… non con le labbra; è con te mentre gioisci del presente, senza correre vorticosamente incontro ad un futuro che esiste nella tua mente… ma non è poi così reale.

Bellezza è in quella ruota immobile che hai continuato a fissare e che, appena hai distolto lo sguardo, ha ricominciato a girare; è in quel luogo che potrebbe essere ovunque, ma è proprio in fondo al tuo cuore, come un paradiso in cui ti basta guardar meglio, per trovare le persone che ami e che smettono per un po' di mancarti, diventando improvvisamente vicine.

Bellezza è quando la finisci con le troppe domande e accetti le poche preziose risposte che hai ricevuto; è in quel comune piatto di spaghetti al pomodoro e nel profumo del basilico che diventano una gioia, perfezione nella semplicità.

Bellezza è in quelle notti in cui a tenerti sveglio non è la malinconia, ma l'attesa del domani e di ciò che saprà addolcirlo. E non conta se hai speso lacrime, delusioni, anni o una vita intera per raggiungerla, basta goderne un solo momento perché ne sia valsa la pena.

Bellezza è ritrovare se stessi dopo essersi persi, mettere in uno zaino errori e sconfitte, prendere dal cassetto, chiuso da troppo tempo, il coraggio. Poi ricominciare il viaggio. Dal punto esatto in cui era stato interrotto, con la marcia giusta, col cuore, con la mente, con l'istinto.

E non occorre andar via, puoi rimanere nel punto esatto in cui ti trovavi un minuto prima.

Con la promessa, però, che se ti perderai di nuovo, sarà solo per ritrovarti, poi, più forte di prima.