Il mondo della televisione è in lutto. All'età di 59 anni si è spento Sam Simon, uno dei co-creatori dei Simpson insieme a James L. Brooks e al più noto Matt Groening (che si pronuncia Greining, mi raccomando).

Il leggendario sceneggiatore, che ha creato tanti personaggi della serie, combatteva da anni contro un tumore al colon. Il suo contributo alla causa della famiglia residente al 742 di Evergreen Terrace è legato in particolar modo alla genesi della serie visto che ha abbandonato gli studi dal 1993 anche se è rimasto come produttore guadagnando uno stipendio fisso di 10 milioni a stagione, investendoli nelle sue passioni, come la boxe, che lo ha portato ad essere uno dei più grandi menager degli anni '90.

A lui si devono personaggi leggendari,  il signor Burns e il Dottor Smithers, che altri non erano che le caricature di James L. Brooks e del suo assistente (Brooks è uno degli uomini più potenti di tutta Hollywood, una di quelle persone che decide se qualcuno deve vivere o morire artisticamente parlando), il dottor Hibbert, il Commissario Clancy Winchester, i poliziotti colleghi Eddie e Lou, Gengive Sanguinanti Murphy e molti altri.

Dopo la diagnosi del tumore si è invece dedicato alla famiglia ed alla beneficenza perché gli avevano dato solo 3 mesi di vita, che poi sono diventati 3 anni: prima la collaborazione con il PETA, la più importante organizzazione ambientalista d'America, poi la nascita della Sam Simon Foundation che collaborerà con la San Diego Human Society perché già nel 2012 fece una scelta: alla sua morte, 100 milioni di dollari sarebbero andati alle fondazioni che proteggono gli animali.