Napoli riscopre Shakespeare con “Romeo e Giulietta” proposto dalla “Tappeto Volante” . Il legame tra lo scrittore inglese (che in realtà si suppone fosse italiano e precisamente messinese) e la nostra terra si rinnova con una grande particolarità: nessuno scenario pre allestito, ma esclusivamente utilizzando lo splendido scenario del Chiostro di San Lorenzo a Napoli.  Si ricalca dunque lo stile elisabettiano, libero da fronzoli e capace di esaltare con l’architettura lo sviluppo della trama.  Altra grande sorpresa sono le musiche che richiamano quelle di Nino Rota e che donano ulteriore pathos alla struggente storia d'amore tra i due protagonisti.

Non vi è dubbio che la storia dei due innamorati più osteggiati della letteratura internazionale, acquisisca ulteriore verve in una terra come quella napoletana, che da sempre ha cantato l’amore in tutte le sue espressioni. La particolare location e la bravura del cast di attori ed attrici rende questa versione tra quelle da non perdere.

Previste numerose rappresentazioni nel mese di agosto e precisamente i giorni venerdì 5, sabato 6 e domenica 7. Si replica l'ultima settimana del mese e precisamente venerdì 26,  sabato 27 e domenica 28.  A settembre sempre a Napoli il cartello prevede i giorni giovedì  1, venerdì  2, sabato 3 e dopo qualche giorno  giovedì 8, venerdì9 e sabato 10 .

Tappa successiva il Castello Baronale di Castellabate.

Ecco in breve l’elenco degli interpreti che caratterizzano questa meravigliosa “Romeo e Giulietta”

Principe della scala – Enzo Varone

Frate Lorenzo – Giordano Zangaro

Messer Capuleti – Rodolfo Medina

Madonna Capuleti – Serena Pisa

La nutrice di Giulietta – Francesca Iovine

Madonna Montecchi – Maria Bucciante

Sansone – Carlo Liccardo

Abramo – Vincenzo Veneruso

Benvolio – Raffaele Imparato

Mercuzio – Antonio Speranza

Rosalina – Laura Pagliara

Pietro – Antonio d’Avino

Tebaldo – Antimo Casertano

Paride – Francesco Luongo

Romeo – Daniele Marino

Giulietta – Antonella Liguoro

Per ulteriori informazioni http://www.tappetovolante.org/