Sono stati in oltre 100.000 i visitatori provenienti da tutta Italia e non solo in occasione del Comicon Napoli 2016 che si è svolto tra lo scorso 22 aprile ed il 25 dello stesso, l'evento che ogni anno coinvolge i più ed i meno giovani interessati al mondo dei fumetti e dei videogiochi. Quest'anno il tema della manifestazione è stato "il rapporto tra il fumetto e l'audiovisivo" ed in occasione dell'evento sono stati numerosi gli ospiti d'eccezione, in primis è da annoverare la presenza di Silver, ideatore di Lupo Alberto, fumettista dalla spiccata ironia che ha rivestito il ruolo di Magister Comicon 2016, inoltre si sono susseguiti nella 4 giorni dell'evento Michael Cudlitz attore nella serie TV "The Walking Dead", il regista Gabriele Mainetti con il suo "Lo chiamavano Jeeg Robot" e l'attore e youtuber Frank Matano.

Non sono mancati i richiami ad eventi paralleli come quello con la mostra sulla DC Comics presente a Villa Pignatelli, o all'ormai caso letterario di Zerocalcare e dei suoi fumetti, in un ambiente che è stato come sempre luogo di confronto tra il pubblico ed i vari autori. Non sono poi mancate le competizioni dedicate al mondo dei Cosplay, dove la cosplayer Lilith ha vinto la Cosplay Pro Challenge con il suo costume di Mulan, staccando il biglietto per la finale di Lisbona 2016. «E’ stata ancora una volta – spiega il direttore della manifestazione Claudio Curcio – una festa per le migliaia di ragazzi venuti al Comicon da tutta Italia. Siamo orgogliosi anche perché sempre di più diamo un contributo alle presenze turistiche a Napoli in primavera con un’iniziativa di svago ma che conserva solide basi culturali. La prevendita online ha ridotto ancora di più le code e i biglietti nominali hanno contribuito a un clima sereno e gioioso per ragazzi e famiglie».
Nonostante il Comicon abbia quest'anno raggiunto un vero e proprio record di presenze però sono ancora enormi i margini di crescita di un evento che si affaccia prepotentemente sul panorama internazionale, come ci ha spiegato Silver «qui c'è già una bella presenza di autori stranieri, questo è molto importante -spiega il fumettista – ma potrebbe essere molto utile in futuro creare degli spazi di incontro e confronto tra i vari operatori del settore, non soltanto italiani. Qui ci sono molte performance e degli incontri con il pubblico degli autori che firmano autografi, ma mi sembra che il confronto possa essere ancora più al centro della manifestazione» il Silver ha poi parlato della

sua esperienza al Comicon in veste di Magister «il ruolo di Magister l'ho preso con la giusta ironia, come mio solito e guai a prenderci sul serio a riguardo. L'impressione sul Comicon è molto buona, è un'occasione per noi autori specialmente più anziani di rincontrarci dopo tanto tempo, quando durante il resto dell'anno ognuno lavora per se. Il bagno di folla poi è sempre fantastico, specialmente con chi mi ha sempre letto, mi legge tutt'ora e chi ha da poco iniziato a leggermi, soprattutto se poi è un'occasione di confronto e di verifica del loro gradimento del mio lavoro».

Non sono poi mancate le ottime opinioni dei numerosissimi visitatori del Comicon, come dimostrano le parole di Giusy Esposito «quest'anno il Comicon è molto migliorato, ci sono molte più cose da vedere ed è molto vario» afferma la ragazza, oppure come testimonia Giannandrea Salineri «sono un appassionato di videogame e per me questa è una delle migliori convention a riguardo in tutta Italia, sono felice di essere qui».

Foto: Anna Maria Marnain foto: Foto: Anna Maria Marna

Al centro dell'evento è stato anche il lavoro dei vari espositori che come ogni anno collaborano a creare numerose attrattive per il pubblico, come dimostra la testimonianza di Luca Cangiano Communications Manager per Legacy  «ogni anno il Comicon è una sorpresa, sempre più sono le persone interessate alle attività all'interno dei padiglioni ed il tutto è enfatizzato dall'ennesimo sold out. Noi in particolare abbiamo collaborato con il Comicon attraverso stand di merchandise, un'area dedicata al gioco Magic ed il palco dedicato a League of Legends che si conferma il gioco online più giocato al mondo, al quale abbiamo affiancato uno stand di merchandise ufficiale per la prima volta».

Pierluigi Fusco