Il progetto. Herzum Software è un’azienda italiana di ICT che appartiene a Herzum, un gruppo di consulenza internazionale specializzato in strategie IT, enterprise architecture, software integration e sviluppo software agile.

Herzum Software ha ereditato l'esperienza storica del gruppo e l’ha estesa grazie al programma PIA – Pacchetti Integrati di Agevolazione, co-finanziato dall'Unione Europea, dal MIUR e dal Governo Regionale della Calabria.

L’azienda, in collaborazione con il dipartimento di Informatica, Elettronica e Sistemistica dell’Università della Calabria, ha portato a termine un progetto di ricerca e sviluppo tecnologico, denominato CrossDocking, ed ha sviluppato un’applicazione che, grazie alla programmazione matematica, risolve specifici problemi legati al cross docking: la pianificazione delle forniture giorno per giorno e l’esecuzione delle operazioni giornaliere di cross docking nel minor tempo possibile.

Le attività del progetto.
Il cross docking è una strategia di distribuzione delle merci in cui i beni provenienti dai distributori sono direttamente smistati verso i punti di consegna, simulando un flusso continuo dei prodotti dai processi di ricezione ai processi di spedizione, limitando al minimo lo stoccaggio e altri interventi.

Rispetto ai tradizionali Centri di Distribuzione (CeDi), il cross docking elimina quasi completamente lo stoccaggio e le funzioni di picking dal magazzino, pur mantenendo le funzioni di
ricezione e spedizione.

Grazie al progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico CrossDocking, Herzum Software ha affrontato e risolto due problemi relativi al cross docking tramite la programmazione matematica.

In particolare, sono stati definiti nuovi modelli di ottimizzazione, con i relativi algoritmi di risoluzione, e inclusi in un'applicazione software innovativa, accessibile da qualsiasi browser internet. Tale applicazione è in grado di potenziare un sistema informativo esistente di un CeDi, fornendo il necessario supporto alla gestione dei processi di cross docking. Infatti, affinché il cross docking funzioni correttamente, è necessario che sia equilibrato il carico giornaliero in transito, dal momento che i prodotti non stazionano per più di 12 ore: tutte le unità di carico che ogni giorno entrano in un CeDi che effettua cross docking devono essere rapidamente recapitate ai punti di consegna.

Le operazioni fondamentali che avvengono in un CeDi che effettua cross docking sono le seguenti: si schedulano i veicoli previsti in arrivo alle porte in ingresso (le merci devono essere scaricate secondo un ordine temporale legato ai tempi di arrivo ed al tempo impiegato per le operazioni di scarico di ciascuno dei veicoli); le unità di merce in entrata vengono distribuite nei veicoli in uscita secondo gli ordinativi che questi devono soddisfare – dal momento che, in generale, i veicoli in uscita servono più ordini clienti e trasportano diversi prodotti, è necessario un alto grado di coordinamento per non provocare inutili ritardi nel caricamento dei prodotti; una volta trasportate nelle corsie delle porte di uscita, le unità di merce vengono caricate sui veicoli in uscita sulla base di un ordine temporale ben preciso, legato ai tempi di disponibilità ed al tempo impiegato per le operazioni di carico di ciascuno dei veicoli.

L'applicazione software sviluppata da Herzum Software fornisce un supporto a tali operazioni grazie alla pianificazione delle forniture, ovvero la pianificazione dei carichi in arrivo giorno per giorno, in modo da rispettare la domanda dei punti di consegna, evitare consegne frammentarie, e mantenere equilibrato il carico di lavoro nel CeDi ed alla la pianificazione a breve termine, che sincronizza, nel più breve tempo possibile, le operazioni giornaliere di cross docking (associa ciascun veicolo ad una porta, schedula le operazioni di scarico/carico dei veicoli, e distribuisce le merci in ingresso negli ordini in uscita).

Utilizzando la pianificazione delle forniture, l'applicazione permette di pianificare l’arrivo dei prodotti giorno per giorno in un fissato periodo temporale. Una volta noti la domanda di prodotto e la relativa frequenza di consegna, i fornitori/distributori che possono fornire i prodotti richiesti ed, eventualmente, il carico di lavoro giornaliero massimo sopportabile dal CeDi, la pianificazione delle forniture provvederà a razionalizzare l’arrivo di merce in ciascun giorno del periodo temporale, rispettando la domanda, evitando consegne frammentarie, ed evitando picchi di lavoro.

La pianificazione a breve termine ha lo scopo di sincronizzare le operazioni giornaliere di scarico/carico delle merci e completarle nel minor tempo. Una volta noti le porte disponibili in ingresso e in uscita, i veicoli provenienti con i loro carichi e l’ora prevista di arrivo, i veicoli in uscita con i loro carichi, destinazioni e ora prevista di disponibilità, la pianificazione a breve termine provvederà ad associare ogni veicolo ad una porta, a pianificare le operazioni di scarico (o carico) di ciascun veicolo, e a distribuire le merci in entrata negli ordini in uscita. Grazie al piano, tutte le operazioni potranno essere eseguite rapidamente. Infine, ulteriori funzionalità come la gestione delle prenotazioni degli arrivi, la distribuzione degli ordini clienti nei veicoli in uscita e la gestione del piazzale, completano l’applicazione.

Vantaggi ed Aspetti Innovativi.
I vantaggi principali sono: supporto "ottimizzato" per la pianificazione delle forniture giorno per giorno, in modo da soddisfare la domanda dei clienti del CeDi, evitare consegne frammentarie, e mantenere equilibrato il carico di lavoro del CeDi; supporto "ottimizzato" per l’esecuzione delle operazioni quotidiane relative al cross docking – l’associazione di ciascun veicolo ad una porta, lo scheduling dei veicoli per le operazioni di scarico (o carico), la distribuzione delle merci in entrata negli ordini in uscita; vantaggi commerciali, economici e organizzativi, grazie al bilanciamento del carico e all'ottimizzazione della pianificazione dei veicoli e della distribuzione delle merci nel CeDi; semplice integrabilità dell’applicazione proposta in un sistema informativo esistente, grazie all’architettura SOA; capacità di produrre un piano delle forniture e un piano a breve termine accedendo esclusivamente ai relativi servizi come SaaS in Cloud.

Le problematiche correlate ai processi di cross docking sono state affrontate con la programmazione
matematica: in base ai requisiti espressi dagli operatori del settore, sono stati definiti nuovi modelli di ottimizzazione e specifici algoritmi, e inclusi in un’applicazione software web based. L'applicazione software è: SOA (Service-Oriented Architecture), basata su componenti, progettata per interoperare facilmente con sistemi informativi esistenti.

Infine, sono stati definiti due servizi indipendenti che possono essere invocati in remoto come SaaS, fornendo loro i dati necessari per ottenere i relativi piani.