in foto: Kuril Chto – Contemporary Art © Giacomo Latorrata

Si dice che i limiti sono solo nella nostra mente, che i confini esistono per essere oltrepassati, che il punto di vista cambia se cambiamo il modo di guardare. Ed è con occhi nuovi e menti fresche, che hanno saputo esplorare il panorama internazionale e raccogliere ciò che di più significativo offriva, che l'Outdoor Festival torna a Roma per la sua settima edizione.

Tellas – Wunderkammer Gallery © Giacomo Latorratain foto: Tellas – Wunderkammer Gallery © Giacomo Latorrata

Ideato e curato dall'agenzia creativa Nufactory, il Festival prende quest'anno il nome di "BEYOND" e pone al centro della sua indagine il concetto del limite e del confine, proponendosi come trampolino di lancio per l'acquisizione di una nuova prospettiva, capace di invertire le delimitazioni geografiche, politiche, artistiche e culturali ed affacciarsi sul mondo. Una necessità, un auspicio, un azzardo che parte dal paradosso di chiamarsi "Outdoor" e prender vita tra le aree chiuse della fredda Ex Caserma Guido Reni di Roma. Una scommessa che, grazie agli spazi messi a disposizione dal Gruppo Cassa Depositi e Prestiti, è stata vinta, ed è diventata negli anni un brillante esempio di valorizzazione e riuso delle aree dismesse. A identificarsi nel tema "BEYOND" infatti, ancor prima degli artisti, è la location stessa, che ha ripreso vita trasformandosi in altro, riconvertita attraverso l'arte, la musica e la cultura.

Vlady – Farm Cultural Park © Giacomo Latorratain foto: Vlady – Farm Cultural Park © Giacomo Latorrata

Gli spazi, pensati senza una reale suddivisione per nazione o metodologia estetica, diventano luoghi di espressione in cui alcuni tra i più grandi artisti del panorama internazionale vengono chiamati a mettersi alla prova con supporti e modalità anche diverse dal loro solito per interrogarsi sui limiti e i confini della nostra realtà.

Craig Costello © Giacomo Latorratain foto: Craig Costello © Giacomo Latorrata
AFK © Giacomo Latorratain foto: AFK © Giacomo Latorrata

Ed è grazie a questa inaspettata concezione spaziale che l'arte cinetica di Virgilio Villoresi si trova collocata tra gli "Sguardi mai scambiati" di Sebas Velasco – Xavier Annunziai e i due padiglioni pensati dall'Istituto Europeo di Design declinando il leitmotiv dell'onda. Al fianco, il grande labirinto di Vlady (in collaborazione con il Farm Cultural Park), denuncia il percorso obbligato, metafora della libertà coatta che ci tiene liberi, alle condizioni imposteci. E poi le rooms intime e visionarie di Tellas (curato e prodotto da Wunderkammer Gallery), le installazioni gonfiabili di Filthy Luker, le fiabesche illustrazioni del francese Honet, le spiazzanti fotografie di Fakso. Continua il percorso il murale di MOBSTR, che rimanda alla dimensione comunicativa ridotta ed etichettatrice della rete, realizzato su fondale nero come le esplosioni mozzafiato di Craig Costello. Al lato, il padiglione pensato da AFK che, attraverso i due murales "Hard Wire" e "The Climb-Struggle to connect", invita a ripensare gli atteggiamenti aggressivi e il loro manifestarsi nella vita quotidiana non necessariamente legati alla questione del genere. Infine i labirinti grafici di Joys, il lavoro geniale del collettivo Tundra e dalla crew di Kuril Chto e i volumi geometrici di Felipe Pantone che, uscendo dai muri, vanno oltre, raggiungendo una dimensione nuova, che sarà reale fino al 31 ottobre.

Un mese di street art, di innovazione, sfide accettate e superate, riflessione. Ma anche un mese di conferenze (Digital Yuppies International, Sna, Italianism, Cultural Players), proiezioni cinematografiche e concerti. Ogni sabato, l'Outdoor si propone infatti come show case di ospiti internazionali. Un "Festival dei Festival", che riapre la città come luogo comunitario, permettendo a tutti di appropriarsene senza limiti e barriere. Uno spunto di riflessione, che oltre ad invertire le prospettive, invita a ragionare, identificando nell'Arte, in tutte le sue forme, un collante e una pacifica arma di riscatto.

© Giacomo Latorratain foto: © Giacomo Latorrata

Outdoor Festival
Dal 1 al 31 ottobre
Ex Caserma Guido Reni, Roma
Vedi il programma completo

Vedi le altre foto dal Festival