Il sindaco De Blasio ha reso noto tramite il suo portavoce l'intenzione di non candidare la Grande Mela come città ospitante le Olimpiadi  estive del 2024, i motivi che hanno portato a tale decisione circa la non fattibilità del progetto sono le problematiche di carattere economico e logistico, la creazione di una serie di impianti necessarie all'organizzazzione dell'evento sarebbe, infatti, di complicata realizzazzione secondo il sindaco Bil De Blasio. La candidatura era stata suggerita dal governatore Andrew Cuomo tramite dichiarazioni fornite al Financial Times e che avevano suscitato l'interesse dell'intero paese,  ma sin da subito il sindaco di New York si era mostrato indeciso sulla concretezza di un progetto tanto ambizioso.

Nonostante l'elenco delle alternative sia assai ampio, dopo i numerosi forfait da parte di Toronto, Dubai, San Pietroburgo e con il recente ritiro della candidatura di New York si riaprirebbero così le porte alle città europee (in un primo momento messe in secondo piano rispetto ad altre alternative); tra le potenziali candidature compaiono i nomi di metropoli europee come Parigi, Berlino, Budapest, ma anche città non europee come Los Angeles, Taipei e Lima.

Roma è una candidatura fortemente voluta e apprezzata per i Giochi Olimpici del 2024.

Thomas Bach (Presidente Comitato Olimpico Internazionale)

Tra le possibili scelte vi sarebbe anche Roma, la città eterna infatti dopo aver ospitato le Olimpiadi del 1960 avrebbe espresso chiaro interesse per la possibilità di ospitare le Olimpiadi del 2024; nonostante la candidatura per le Olimpiadi del 2020 sia stata ritirata nel 2012 il governo italiano ha rinnovato tale interesse a favore dei Giochi del 2024, Roma sarebbe l'unica alternativa italiana nonostante sia stata apprezzata come possibile alternativa dal Comitato Olimpico Internazionale.