Nato a Roma il 24 maggio 1963; laureato con lode in Medicina e Chirurgia presso l’Università "La Sapienza" di Roma nel 1988; specialista in Ginecologia e Ostetricia presso l’Università "Tor Vergata" di Roma nel 1992; svolge l'attività libero professionale di Ginecologia con esperienza in ecografia ginecologica., isteroscopia, isterosalpingografia, sonoisterografia. Collaborazioni recenti come Consulente Specialista Ginecologo per Finmeccanica S.p.A per il Progetto di Prevenzione Sanitaria Screening Ginecologico 2011 e per Selex-Sistemi Integrati (Gruppo Finmeccanica) per il Progetto Salute Donna Screening Ginecologico 2011 (sedi di Roma, Napoli, Taranto, Genova).
TWITTER

Marcello Sergio

Depressione post-partum: sarà possibile prevederla?
Risultati del sondaggio “Fai prevenzione per la tua salute?”
Livelli di arsenico e rischi per la salute
Sondaggio: fai prevenzione per la tua salute?
8 marzo: Festa della donna!
Donne e… alcol
“No magic bullet”
Conosci i contraccettivi? [I risultati del sondaggio]
Amianto, diossina, solventi… la morte invisibile
questo articolo è a cura di
Il mio sito
Lo Stato Sociale vs Guccini
Confronto tra "Mi sono rotto il cazzo" e "l'Avvelenata"
Usare parole a caso in inglese non ti renderà migliore
Ovunque è un fiorire di parole inglesi. Quanto rischia la nostra lingua?
Il movimento social
A chi vive in aree metropolitane può sembrare scontato domandarsi quale quota degli spostamenti urbani è legata alla socialità e quale al lavoro. Le informazioni aggregate e le tendenze non sono così banali da ottenere e potrebbero (dovrebbero) interessare soprattutto i policymakers.
La supremazia del profitto a discapito di un'umanità senza più valori
La globalizzazione sta facendo disastri irrefrenabili acuendo il divario sociale tra le masse sempre più impoverite e veri e propri sceicchi dello sfarzo senza limiti. Un dislivello scaturito da una supremazia del mercato ad ogni costo, ha come conseguenza, una produzione senza regole, anche a costo di cancellare ogni valore, seppure della stessa vita umana. In una società capitalistica come la nostra ha ancora il suo peso, l’onore, la dignità e la considerazione del capitale umano?