Vive e lavora a Torino. Studi di architettura, comunicazione visiva e fotografia. Regista e video performer. Esperto di comunicazione urbanistica e delle trasformazioni fisiche sociali e culturali delle aree urbane. Cura e produce mostre eventi installazioni e centri informativi. Si occupa di new tech linguaggi e piani di comunicazione. Ha tenuto corsi di rappresentazione del progetto presso la facoltà di Architettura dell'Università di Torino e work shop sulla comunicazione ai cittadini di progetti ambientali. Collabora con molte pubbliche amministrazioni italiane. Alterna l'attività di autore a quella di progettista di modelli informativi.
TWITTER

Luciano De Simone

Renzi e l’innovazione de no’antri
La fotografia, Cotroneo e il feticismo qualunquista.
Cecità istituzionale
CoWorking…in progress
Berlusconi: la vendetta della cattiva coscienza
La perdita delle parole
La Grande Bellezza
Concerto e ControConcerto
Va bene tutto. Purché mediocre.
Lo Stato Sociale vs Guccini
Confronto tra "Mi sono rotto il cazzo" e "l'Avvelenata"
Usare parole a caso in inglese non ti renderà migliore
Ovunque è un fiorire di parole inglesi. Quanto rischia la nostra lingua?
Il movimento social
A chi vive in aree metropolitane può sembrare scontato domandarsi quale quota degli spostamenti urbani è legata alla socialità e quale al lavoro. Le informazioni aggregate e le tendenze non sono così banali da ottenere e potrebbero (dovrebbero) interessare soprattutto i policymakers.
La supremazia del profitto a discapito di un'umanità senza più valori
La globalizzazione sta facendo disastri irrefrenabili acuendo il divario sociale tra le masse sempre più impoverite e veri e propri sceicchi dello sfarzo senza limiti. Un dislivello scaturito da una supremazia del mercato ad ogni costo, ha come conseguenza, una produzione senza regole, anche a costo di cancellare ogni valore, seppure della stessa vita umana. In una società capitalistica come la nostra ha ancora il suo peso, l’onore, la dignità e la considerazione del capitale umano?