in foto: La Sacerdotessa mentre applaude i giovani studenti, tra cui Ettore Giannì e Sara Felline.
Credit: ilcaffequotidiano.com

Viene definita come una figura atipica e rivoluzionaria del rock degli anni Settanta, è stata tra le grandi protagoniste del proto-punk e della New wave ma, semplicemente, potremmo parlare di Patti Smith come una poetessa e una cantante, libera, nelle parole e nelle melodie dei suoi brani.

E così oggi la Smith si è laureata nell'Università di Parma dove il Magnifico Rettore, il prof. Loris Borghi, le ha conferito la laurea ad honorem in "Lettere Classiche e Moderne" per la  "ricerca e sperimentazione di nuovi linguaggi espressivi". Per la Sacerdotessa del Rock è importante sottolineare che quella che è stata conferita dall’Università di Parma (con proposta inoltrata al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nel giugno 2016 e approvata nel settembre 2016) è stata la prima laurea ad honorem in Europa: Patti Smith ha infatti ricevuto simili onorificenze solo negli Stati Uniti, e principalmente nelle discipline legate all’arte figurativa. In questo caso, invece, si sottolinea in modo specifico la sua matrice letteraria, nella medesima ottica che ha condotto l’Accademia di Svezia a conferire quest’anno il Nobel per la letteratura al suo grande amico Bob Dylan.

Ad accoglierla, tra gli studenti dell'UniPr, anche Ettore Giannì e Sara Felline, salentini emigrati nell'ateneo parmigiano che l'hanno ricevuta, insieme ad altri colleghi, suonando e cantando due dei suoi brani, Gloria e Distant Fingers. Di seguito il video della loro esibizione.