dal blog di
20:07

Guardiola saluta Barcellona: dove andrà?

Pep Guardiola dice addio alla squadra a cui ha dedicato anni della sua vita, in cui ha messo tutto se stesso e con cui ha vinto praticamente tutto. Si chiude un ciclo fantastico, costellato di vittorie e di coppe sollevate al cielo. Si chiude con l'uscita di scena dalla Champions e con l'addio al campionato - quasi certa la vittoria del Real. Dove andrà ora Pep?

Guardiola saluta Barcellona: dove andrà?

Sembrava impossibile, e invece è avvenuto. In una sala stampa gremita di giornalisti, con i suoi giocatori al fianco e alla presenza di Rosell, il tecnico che ha “inventato il calcio moderno” si dimette dalla guida della squadra più forte del mondo, che soltanto l’altro ieri ha pareggiato in casa con il Chelsea, dicendo addio alla finale di Champions League e salutando, allo stesso tempo, anche il campionato spagnolo (a seguito della sconfitta nel clasico con il Real Madrid). Si vociferava già l’estate scorsa di un possibile addio di Guardiola, e invece il tecnico aveva firmato per un altro anno. Adesso è realtà: il tecnico che tutti vorrebbero è senza “lavoro”, o quantomeno lo sarà non appena terminerà la stagione. Il Barcellona ha già scelto il suo successore: Vilanova, secondo di Guardiola, prenderà il posto di quest’ultimo alla guida di Messi & Co. Proprio Messi, che ha sbagliato un rigore forse decisivo durante Barcellona – Chelsea, non era presente in conferenza stampa ed ha ammesso, poi, di non esserci andato perché troppo emozionato. Non voleva farsi vedere in quello stato dai giornalisti. Giusto. Giustissimo. Guardiola è stato come un padre per questi ragazzi, ed il rispetto che la squadra, la società ed i tifosi hanno dimostrato nei suoi confronti, nonostante il non aver conquistato nulla quest’anno, è incredibile.

Ma adesso dove andrà Guardiola? Il Chelsea ha già fatto un’offerta al tecnico di 40 milioni di euro, ma pare che Pep sia intenzionato a rifiutare. Alla finestra c’è anche la FA, che vorrebbe Guardiola come tecnico della Nazionale Inglese, e sarebbe disposta a fare follie per assicurarselo sulla panchina per l’Europeo. Ancora, l’Inter coltiva il sogno di avere Guardiola in panchina da anni, con Moratti che lo voleva alla sua corte già l’estate scorsa. Si vocifera anche del Milan, in rotta di collisione con Allegri, le cui scelte tecniche e l’ultimo sprazzo di stagione non stanno convincendo. Addirittura si pensa alla Roma, con Luis Enrique che ha già dichiarato di non voler rimanere nella capitale anche la prossima stagione. C’è chi invece afferma che Guardiola, stanco di una vita passata completamente al servizio della squadra, ad inventare una filosofia tutta nuova che ha permesso al Barcellona di vincere praticamente ogni cosa, voglia prendersi un anno sabatico, e ritemprarsi dalle fatiche lavorative. Sarà vero?

Fatto sta che ora Pep è senza lavoro, e tutti lo vogliono. Tutti lo cercano, ma soltanto una squadra potrà assaporare il suo calcio, la sua mentalità. E chi avrà l’onere e l’onore di far sedere in panchina il tecnico più forte al mondo – secondo alcuni – dovrà anche assumersi l’impegno di una campagna acquisti degna dell’ex allenatore del Barcellona. Un onere che non tutti sono pronti a prendersi, un onere che non tutti possono – economicamente – prendersi, anche in vista del Far Play finanziario tanto acclamato e che presto entrerà in vigore, e che alcune squadre praticano da tempo o lo hanno messo in atto da questa stagione. La domanda, alla fin fine, resta eccome: dove andrà Pep Guardiola?

Approfondimenti: calcio fanpage, Calciomercato, spagna

segui fanpage

segui Angelo Palladino

ALTRI DI Angelo Palladino
Dalla C alla vetta della Serie A, i meriti del "fenomeno partenopeo" riconosciuto in tutto il Mondo tranne che in Italia, dove ancora si inneggia alla discriminazione territoriale e ai sacchetti dell'immondizia, al Vesuvio e ai "Terroni Meridionali".

Parole sicuramente importanti quelle di Cesare Prandelli all'indomani della finale di Euro 2012 regalata, letteralmente, alla Spagna già Campione del Mondo e d'Europa che ieri sera, con quel sonoro 4-0 con cui ci ha rispedito a casa, ha realizzato una storica tripletta centrando il terzo trofeo internazionale di fila.

Con la vittoria a Cagliari per 2-0 e la pesante sconfitta del Milan nel Derby contro l'Inter per 4-2, la Juventus si proclama campione d'Italia per la ventinovesima volta. C'è chi afferma che sono trenta gli scudetti dei bianconeri, senza contare i processi di calciopoli.
STORIE DEL GIORNO