Grazie del gesto
Chiunque tu sia, perché sei lì.
Io non lo so se stai lavorando, se sei un volontario, se sei un civile o un militare, ma ringrazio te per ringraziare le centinaia di persone che in questo momento stanno facendo quel gesto.
Uomini che sbarcano stremati. Donne che muoiono con un sms ancora non inviato nel cellulare ritrovato tra le mani ‘Amore ce l'ho fatta, appena posso ti chiamo'.

in foto: immagine restoalsud.it

Bambini, tanti bambini. Troppi bambini sperduti. Perché un bambino può perdersi, signori, anche nei 50 mq di una stiva. Soprattutto nella maleodorante e mortifera stiva di una barca sovraffollata di speranza, poi, con le ore, sopraffatta dal buio asfissiante della morte mista ai miasmi e al gasolio.
E lì tu, chiunque tu sia, tu. Tu con la tuta bianca e la mascherina  sei salito sul mercantile con forza e velocemente, ti sei girato e l'hai presa in braccio, lei piccola tra tanti grandi, ammassata nella scialuppa. L'hai presa come se fosse di cristallo, come se fosse la cosa più preziosa che tu avessi mai avuto l'onore di avere tra le mani.
E coprendole il volto l'hai avvolta con le tue braccia, le tue spalle e sei salito su con lei. Lei che non aveva espressioni.
Grazie per averla abbracciata. Grazie per averle dato cortesia, delicatezza. Presenza.
Grazie. A chiunque apra le stive e per primo ed è costretto a camminare su vite andate via. Ai pescatori che quotidianamente pescano cadaveri. Grazie a chi si infila una tuta, i guanti e la mascherina e va, sale su barche che non sono più tali, da ore diventate bare galleggianti.
Grazie a chi accoglie, perché lo fa oltre ogni forza. Mentale e fisica.
I vostri occhi, le vostre menti, i vostri cuori hanno visto e vedranno.
Le vostre mani accarezzeranno, graze a Dio, di nuovo, volti di bambini che ce l'hanno fatta. Che hanno attraversato quel qualcosa di immenso di cui forse nemmeno conoscevano l'esistenza e hanno toccato terra.
E nel buio hanno trovato voi. E una carezza.                                                                                                                Grazie                                                                                                                                                                               @lauramauti