Nel precedente articolo vi ho parlato di come fare soldi con facebook, cioè di come è possibile monetizzare una pagina con molti fan. In questo articolo presteremo attenzione sull'Edge Rank, l'algoritmo utilizzato da Facebook per misurare il coinvolgimento di una pagina (ma non solo), e di come un maggior coinvolgimento possa portare maggiore visibilità ad una pagina.

Edge Rank è il nome dell'algoritmo utilizzato da Facebook per determinare la visibilità di un post, pubblicato da un utente o anche da una pagina,  all'interno delle "notizie" dei vostri amici o dei vostri fan. Nonostante questo nome non sia noto alla maggior parte delle persone, comprendere le dinamiche di questo algoritmo può essere molto importante. Questo algoritmo è infatti considerato dagli addetti ai lavori uno dei più importanti di tutto il web marketing.

L'Edge Rank di fatto è un'applicazione che stabilisce quali, tra le varie notizie, siano le più importanti in base alle vostre passate interazioni con gli altri utenti o pagine. Più il ricevente ha interagito con il mittente in passato, maggiori saranno le probabilità che il post del mittente venga visualizzato tra le Notizie Più Popolari (Top News) del ricevente. Inoltre, anche il tipo di interazione ha un valore. Un commento ha maggior valore di un "mi piace". L'algoritmo tiene infine di conto anche dell'anzianità dell'ultima interazione, il cui valore diminuisce man mano che le interazioni tra il ricevente e il mittente invecchiano.

In sostanza l'edge rank è un algoritmo che misura

  1. L'affinità con ogni membro o pagina della vostra sfera sociale.
  2. Il peso di ogni interazione.
  3. Il "fattore tempo" collegato alle interazioni.

Andiamo adesso ad analizzare ciascuno dei 3 punti valutati dall'algoritmo di Facebook.

AFFINITA' CON OGNI MEMBRO O PAGINA DELLA VOSTRA SFERA SOCIALE

Avrete sicuramente notato che, visitando spesso una pagina che vi piace, commentando e cliccando spesso il tasto "mi piace", gli aggiornamenti di questa pagina tendono a comparire spesso sulle vostre "Notizie". Avrete altresì notato che, visitando spesso un profilo di un vostro amico, ma anche commentando o cliccando spesso "mi piace" sui post che condivide, gli aggiornamenti del vostro amico appaiono molto più spesso sulle vostre "Notizie". Il funzionamento è infatti analogo per entrambi i casi. Sia le pagine, che i profili, sono soggetti all'edge rank. Facebook immagazzina quindi tutti questi dati per presentarvi nelle notizie più popolari i post a voi più affini. Questo sistema sembra funzionare alla grande e gli utenti ne vanno inconsapevolmente entusiasti.  Nonostante molti utenti Facebook abbiano centinaia, o in alcuni casi  migliaia di amici o pagine di cui sono fan, è stato dimostrato che le persone tendono a raggrupparsi attorno ad un piccolo nucleo dei propri contatti. Per questo motivo sulla pagina "Notizie" appaiono molto spesso sempre le persone a cui siamo più vicini.

IL PESO DI OGNI INTERAZIONE

Il peso di ogni interazione è il secondo fattore per il quale Facebook determina quali contenuti siano più adatti  ad apparire nelle notizie più popolari dei nostri amici o fan. A tal proposito, è interessante notare che il "peso di ogni interazione" è diverso da persona a persona. Nonostante non ci sia una graduatoria ben definita sul "peso delle interazioni", sembrerebbe che i tre tipi di contenuto che hanno un peso superiore rispetto agli altri sono i video, le foto ed i link. Ciò significa che i post "semplici", come gli aggiornamenti di stato, hanno solitamente meno visibilità. Ma ciò non significa che un semplice aggiornamento di stato, privo di foto, link o video, non possa avere visibilità. Immaginatevi la comunicazione di un sportivo che decide di terminare la propria carriera. Le prime interazioni sarebbero di pochi suoi fan, che tramite commenti lo inviterebbero a ripensarci. Probabilmente gli amici più vicini ai fan potrebbero vedersi apparire la notizia tra le più popolari, inoltre con l'aumentare dei commenti, aumenterebbe l'edge rank della notizia stessa  e quindi apparirebbe con maggiore facilità sulle notizie degli altri fan. La portata virale di un post si ha quindi anche grazie alle interazioni ricevute.

IL "FATTORE TEMPO" COLLEGATO ALLE INTERAZIONI

L'ultimo elemento dell'Edge Rank è legato all'attualità. Una notizia vecchia ha infatti minori possibilità di apparire sulle "notizie" di amici o fan piuttosto che una notizia nuova. Questo può sembrare logico, ma non lo è del tutto. Twitter ad esempio ordina le notizie utilizzando la cronologia esatta delle stesse. Questo Facebook non lo fa, le notizie che appaiono in cima hanno un EdgeRank che supera quello delle altre notizie. Potrebbe quindi capitarvi che una notizia meno recente possa apparire in cima alle vostre notizie più popolari,  dimostrando che le "affinità" e il "peso delle interazioni" possono insieme determinare un Edge Rank maggiore del "fattore tempo".

ESEMPIO DI FUNZIONAMENTO DELL'EDGE RANK

Supponendo che l’utente Mario Rossi abbia compiuto  5 azioni nei confronti dei post di Gianluca Bianchi o della Pagina IO AMO IL CALCIO  nelle ultime 5 settimane, la situazione sarebbe la seguente

  1. OGGI : Mario Rossi clicca il tasto "mi piace" su un semplice post.
  2. SETTIMANA SCORSA : Mario Rossi clicca il tasto "mi piace" su un link condiviso.
  3. DUE SETTIMANE FA: Mario Rossi clicca il tasto "mi piace" su una foto o su un video.
  4. TRE SETTIMANE FA: Mario Rossi commenta un post.
  5. QUATTRO SETTIMANE FA: Mario Rossi commenta una foto o un video.

Il punteggio di EdgeRank sarà ottenuto sommando le azioni

1*1*1 + 1*2*0.8 + 1*3*0.6 + 5*1*0.4 + 5*3*0.2 = 9.4

dove sono stati assegnati i punti

  • 1 punto per i "mi piace".
  • 5 punti per i commenti.
  • 1 punto ai semplici post.
  • 2 punti ai link.
  • 3 punti alle foto o video.

Oltre a ciò, va considerato il "fattore tempo" precedentemente descritto, dove più un’azione è vecchia e meno conta

  • 1 per lo stesso giorno (oggi).
  • 0.8 per una settimana fa.
  • 0.6 per due settimane fa.
  • 0.4 per tre settimane fa.
  • 0.4 per quattro settimane fa.

I valori, ovviamente, sono sparati a caso. Nessuno è a conoscenza dei reali valori con cui Facebook fa funzionare l'algoritmo dell'Edge Rank, tuttavia sono stati fatti degli esperimenti a riguardo che hanno dimostrato tali risultati.

CONCLUSIONI E BEST PRACTICE

Come aumentare l'affinità con i vostri utenti?

Commentando foto, mettendo like e condividendo contenuti di chi più vi interessa, potrebbe far scattare un commento di replica da parte del vostro interessato, e quindi determinare  una maggiore affinità.

Come aumentare il peso delle interazioni?

Dovrete imporvi una strategia diversificata.  Come spiegato in precedenza, il "peso di ogni interazione" è diverso da persona a persona. C'è chi potrebbe avere un tasso alto di affinità con le foto, chi con i link e chi con i video. Per questo motivo dovrete diversificare. Usate foto, video, link o semplici aggiornamenti di stato. Così andrete a colpire i segmenti di pubblico che maggiormente vi interessano.Inoltre, cercate l’interazione con i vostri utenti, chiudendo i vostri post con delle semplici domande.

Come posizionarsi in cima alle notizie?

Purtroppo il "fattore tempo" passerà per ogni post, così come il tempo passa per tutti noi. Ad ogni modo dovreste cercare di aggiorare la vostra pagina o il vostro profilo nelle fasce orarie in cui il pubblico ha più probabilità di usare Facebook, questo ne ridurrà il tempo di decadimento ed aumenterà la possibilità che i vostri contenuti raggiungano le notizie dei contatti affini. Inoltre, dovreste postare con una certa frequenza, evitando l'inattività per lunghi periodi.

Ti è piaciuto questo articolo? Consiglialo!