dal blog di
16:22

Delio-Ljajic, ecco le parole del serbo!

Ora non è più un mistero: l'attaccante viola ha insultato Delio Rossi, reo di averlo sostituito. Entra nell'articolo per leggere le parole di Ljajic, ma attenzione... Pare ci sia una versione ufficiosa molto più grave!

Delio-Ljajic, ecco le parole del serbo!

“Magari andiamo in Serie B e ti cacciano!”, è dunque la versione ufficiale dell’accaduto: a far trapelare questa frase infatti, pare sia stato il team manager viola Roberto Ripa, come raccontano i più vicini alla faccenda. Ma ricostruiamo con ordine…

E’ il 32esimo minuto del primo tempo e la Fiorentina si trova sotto 0-2 contro un Novara già retrocesso. Delio Rossi decide di cambiare qualcosa e a farne le spese è uno scialbo Ljajic, che viene sostituito con Olivera. Il serbo non ci sta: prima applaude ironicamente il tecnico e poi, non contento, gli sussurra qualcosa all’orecchio. A quel punto Rossi perde le staffe e distoglie l’attenzione dalla partita, fiondandosi letteralmente sul ragazzo e prendendolo a pugni. L’episodio viene colto in diretta, ricevendo attenzioni da tutti i media italiani e non solo, dato che in breve tempo, l’episodio ha già fatto il giro del mondo.
Alla fine, la morale della favola è la seguente: Delio Rossi esonerato e squalificato per tre mesi dal giudice sportivo, Ljajic messo fuori rosa dalla società viola.

Al termine della scazzottata, le linee di pensiero sono diventate ovviamente due: c’è chi si schiera con il giocatore, crocefiggendo il gesto violento del tecnico e c’è chi giustifica Rossi, disprezzando l’atteggiamento da “bimbo viziato” di Ljajic. Pareri diversi e contrastanti, ma pur sempre degni di essere riconosciuti come giusti. Dipende solo dal punto di vista…

Da qualche ora però, è arrivata alle orecchie di molti una versione diversa su quanto detto dal talentino viola; una versiona turpe, ultra-offensiva e ingiustificabile.
Su vari siti viola infatti, girano voci sul fatto che Ljajic abbia detto all’ormai ex tecnico viola, le seguenti parole: “Sei più handicappato di tuo figlio”.
Al riguardo però la perplessità più grande è proprio sul contenuto delle parole. Pesanti, davvero troppo per essere vere. Ma da un certo punto di vista, più adatte a scatenare una reazione come quella di Rossi.
La seconda perplessità è quella sul figlio disabile di Delio: anche lì, c’è chi dice che l’ex Lazio e Palermo abbia un figlio, c’è chi dice due, c’è chi dice tre di cui uno disabile. Insomma, un’incognita, anche perché il tecnico romagnolo ha sempre condotto una vita privata esemplare, costruita sul silenzio e sulla discrezione.

Alla luce di tutto questo pertanto, c’è veramente da augurarsi che la frase pronunciata da Ljajic sia la prima, ovvero quella ufficiale perché se così non fosse, perdonatemi, ma avrebbe dovuto dargliene pure di più: l’amore per un figlio, per giunta diversamente abile, va al di là di tutto, e soprattutto di una squallida partita di calcio.
Ma la verità, la sapranno sempre e solo loro due. E forse è meglio così…

segui fanpage

segui Thomas Berardi

ALTRI DI Thomas Berardi
Danneggiata la tomba di Tommaso Maestrelli a Roma: chi è stato?

Un magnate arabo pronto a rilevare le quote di Lotito: realtà o pura immaginazione, ma soprattutto, chi è Al-Shoaibi?

Il punto sulle difficoltà nerazzurre: chi è il maggiore responsabile di questa situazione? Stramaccioni o la società? Ecco cosa pensano i tifosi! L'esito del sondaggio è più che sorprendente.
STORIE DEL GIORNO