Nella semifinale di Euro 2016 in Francia, per Germania-Francia, la Uefa ha scelto il team di Nicola Rizzoli per dirigere la gara che precede l'atto finale del torneo. Nella semifinale del Vélodrome l’altro assistente dell’arbitro che ha diretto la finale dei Mondiali 2014 sarà il milanese Mauro Tonolini mentre Daniele Orsato e Antonio Damato saranno gli arbitri addizionali. Loro hanno già diretto tre partite della fase finale degli Europei (Inghilterra–Russia, Portogallo-Austria, Francia–Irlanda), e per l'assistente della Sezione AIA di Teramo, Elenito Di Liberatore ciò rappresenta una ghiotta occasione per arricchire il curriculum o la pagina delle partite importanti; cosa volete che sia per chi ha superato da un pezzo le 50 gare internazionali e vanta più di 150 match nazionali nella massima serie? Nulla, forse perché Di Liberatore la sua partita più importante l'ha già giocata.

L’ha affrontata il 20 settembre 2014, dopo Cesena-Empoli.

L’assistente abruzzese sente un fastidio mentre accavalla le gambe: “Lo imputavo alla mia passione per la bicicletta – racconta alla rivista ‘L’Arbitro’ -. Quel fastidio diventa un nodulo che compare e scompare. Decido di farmi controllare da un mio amico chirurgo all’ospedale di Chieti. Quando ho fatto l’ecografia il mio amico, insolitamente silenzioso, è sbiancato in viso. Ho capito che c’era qualcosa che non andava, ma la conferma del male è arrivata quando mi ha visitato il primario di urologia di Pescara. Il medico non ha usato giri di parole e me lo ha detto subito: Lei ha un tumore!”.

La vita di Elenito si ferma: “L’istantanea del momento più brutto di tutta questa vicenda è stata quando sono arrivato a casa e mio figlio di cinque anni mi è corso incontro come fa sempre quando rientro. Ho fatto in modo di sorridere e in quel preciso istante ho deciso che la mia priorità sarebbe stata quella di dare il più a lungo possibile un padre a mio figlio. Mia moglie Federica aveva gli occhi lucidi perché in macchina aveva pianto. Matteo è riuscito a sdrammatizzare tutto con una battuta: Papà – mi ha detto – visto che la mamma ha la congiuntivite, restate lontani altrimenti mi contagiate. Gli sono andato vicino e gli ho sussurrato all’orecchio: oggi ho deciso, usciamo e puoi scegliere il regalo che vuoi. Lui si è girato verso mia moglie quasi a volersi scusare: guarda che è stata un’idea di papà. Poi, al negozio, con questo regalo gigantesco, mentre eravamo in fila alla cassa per pagare, mi ha detto: oggi è il giorno più bello della mia vita”.

La vita di Elenito si ferma, è frantumata. Impiega trenta minuti per tornare a casa. Il tempo necessario per accorgersi che la sua vita sta cambiando. Avverte Domenico Messina (responsabile della Can A) e Pierluigi Collina (membro della commissione arbitrale dell’Uefa), poi rientra a casa e abbraccia il figlio di cinque anni. Questo è il momento più difficile da affrontare.La moglie scoppia a piangere, inventandosi di avere la congiuntivite. Elenito decide che la priorità è quella di dare il più a lungo possibile un padre al figlio e porta il piccolo a scegliersi un regalo. Le prime 48 ore sono di grande sconforto.

Tramite gli amici dell’AIA, Di Liberatore entra in contatto con il Dott. Nicola Nicolai dell’Istituto dei Tumori di Milano e presto arriva il momento di preparare il borsone, cosa che puntualmente avviene prima di partire per una gara. Solo che questa volta, all’interno del trolley, c’è tutto quello che occorre per una degenza in ospedale: “Mio figlio mi ha chiesto: dove vai? Vai a fare una partita? Mi raccomando falla bene”. Le parole di Nicolai sono rassicuranti: “Lei guarirà e questa è una certezza, abbiamo ottime probabilità”.

Prima dell’intervento chirurgico passa un mese e l’Istituto dei Tumori di Milano si trasforma in Coverciano con un viavai incessante di arbitri e assistenti. La fede, l’amore della famiglia, la vicinanza dell’AIA e la forza in se stessosostengono Elenito che viene operato in anestesia spinale. L’intervento ha esito positivo, ma il tumore è un percorso che non ha mai un finale certo: “Ogni esame è come una roulette russa. Il momento esatto nel quale ho capito che ce l’avevo fatta è stato quando il Dott. Colecchia, l’anatomopatologo dell’Istituto, mi ha dato il responso dell’esame istologico: ‘Sig. Di Liberatore, il tumore era in situ e non c’è stata invasione linfovascolare’. È stata la notizia più bella del mondo. Il tumore era debellato con la sola asportazione chirurgica”.

Durante la convalescenza l’idea di abbandonare l’arbitraggio non lo sfiora nemmeno: “Altrimenti avrei dovuto pensare di smettere di vivere. Ho anche capito che nei tumori, gran parte della guarigione, deriva dalla testa. Ho continuato ad allenarmi, tanto che un giorno, in palestra, un mio amico mi ha detto: ‘Non ti ho mai visto così in forma’. Mi sarebbe piaciuto potergli rispondere: a parte un tumore è tutto ok”. Di Liberatore si è ripresentato in campo come quarto uomo a Cesena per riprendere da dove aveva lasciato e il 29 novembre 2014 ha ripreso in mano la bandierina per Chievo-Lazio, proprio al Bentegodi di Verona, dove il primo ottobre 2006 aveva esordito in Serie A.

Da lì è ricominciata la seconda vita di Elenito, stimato docente del conservatorio di Taranto: “Credo che la musica e il pianoforte siano un valore aggiunto per fare l’assistente. La concentrazione e l’applicazione devono essere al massimo su entrambi i fronti”. Dall’esordio datato 1990 in Atletico Teramo-Teramo Stazione (campionato Giovanissimi), passando per la carriera arbitrale (fino alla Serie D), a quella da assistente (dalla stagione 2000-01), la scalata è stata ricca di soddisfazioni: nel 2008 prima ancora di diventare Internazionale, in una gara Under 19 tenutasi in Slovenia, insieme ai colleghi Rizzoli, Saccani, De Marco e Maggiani, ha partecipato alla sperimentazione degli arbitri addizionali. L’anno dopo nel 2009 Di Liberatore ha ottenuto la nomina ad Assistente Internazionale e da lì è iniziata un’avventura che lo ha portato a partecipare a due manifestazioni Intercontinentali, ovvero nel 2012 con i colleghi Rocchi e Cariolato alle Olimpiadi di Londra, e nel 2013 sempre con i colleghi Rocchi e Cariolato al Mondiale Under 17 tenutosi negli Emirati Arabi ad Abu Dhabi. Dopo la malattia, è tornato a sventolare la bandierina in Barcellona-Manchester City e poi ancora nella semifinale del 2015 Barcellona-Bayern Monaco, sempre al Camp Nou, teatro del suo esordio in Champions League qualche anno prima. Ora lo attende Germania-Francia, semifinale degli Europei. Di Liberatore ha messo il tumore in fuorigioco e nessuno stadio lo può più spaventare.