dal blog di
14:27

Cucinare è come amare…

C'è molta verità nel detto che l'uomo diventa ciò che mangia. Più grossolano è il cibo, più grossolano sarà il corpo. Mohandas Gandhi, Harijan, 1933/1948

Cucinare è come amare...

La cucina oltre ad essere una sana passione è una vera e propria arte.

Per saper cucinare bene e in modo sano è indispensabile conoscere i prodotti, i cibi di stagione, i piatti tipici e le tradizioni culinarie.

La garanzia per ottenere un ottimo piatto, anche se semplice, è data solo dall’utilizzo di prodotti genuini e di qualità.

Cucinare è come amare…o ci si abbandona completamente o si rinuncia

harriet van horne

Personalmente, cerco, quando possibile, di prendere verdura e frutta dal contadino, l’ olio direttamente dal frantoio, il vino in note enoteche, formaggi direttamente nei caseifici a conduzione famigliare, carne e pesce da chi per generazioni fa questo lavoro e conosce molto bene ogni parte dell’animale e ti consiglia anche il tipo di cottura. Per ogni prodotto che acquisto, dietro al duro lavoro della coltivazione della terra e al mantenimento degli animali, sono certa che sono stati rispettati tutti i cicli naturali e il benessere del bestiame ma soprattutto prodotti privi di pesticidi nocivi.

Sostanzialmente stiamo parlando dei “prodotti biologici” a kilometro zero; attualmente nelle grandi città sono una moda e in alcuni casi, purtroppo, hanno dei costi piuttosto elevati (ovviamente se ci si reca al supermercato), ma per fortuna, ci sono dei piccoli negozi, che propongono questi generi a prezzi veramente contenuti.

Oppure, nel fine settimana, conciliando una splendida e salutare gita fuori porta, é possibile recarsi direttamente dai produttori o presso le sagre di paese dove sulle bancarelle è possibile trovare tutti cibi naturali e bio.

Un’altra idea sarebbe un piccolo orto a casa propria…perciò, se vi interessa, armatevi di guanti, paletta e annaffiatoio e…pronti a scatenate il vostro pollice verde!!!

Ci sono molti modi per poter avere un piccolo orto anche per chi non ha un terreno da coltivare, ad esempio basta sfruttare un angolo del balcone o della terrazza, tenendo presente queste fondamentali regole:

  • l’habitat ideale per coltivare la maggior parte degli ortaggi si ha con un’esposizione ad est, dove il sole batte al mattino, o a ovest, dove batte al pomeriggio.
  • Le verdure consigliate per un orto sul terrazzo sono: pomodori ciliegia, cipollotti, melanzane , peperoni, peperoncini, rapanelli, basilico a foglia verde e a foglia rossa, radicchi, zucchine, insalata e finocchi.
  • Il sole pieno (quindi esposizione a sud) va bene solo per le erbe aromatiche (timo, rosmarino, ecc…).
  • Nelle fioriere posizionate a terra possono essere coltivate dalle sei alle dieci varietà di ortaggi, mentre nella cassetta “da frutta” (possibilmente lunga tra i 40 ed i 50 cm) non vanno messe più di tre piante.
  • Gli uccellini potrebbero mangiare i semini piantati, sarebbe preferibile coprire le cassette con un telo almeno fino a che non saranno cresciute le piantine.
  • Vanno innaffiate alla sera, anche ogni due giorni, e non hanno bisogno di concime per almeno un paio di mesi.
  • Bisogna fare molta attenzione che il pavimento del balcone, soprattutto in estate, non diventi bollente. ln tal caso, conviene rialzare i vasi mettendo qualche pezzo di legno sotto, così da isolarli.

Qualche suggerimento per la creazione del vostro piccolo orto “low cost”:

  • Procurarsi delle cassette usate da mercato, potete scegliere quelle di plastica o anche quelle di legno che devono essere però trattate con vernici per esterno resistenti alle intemperie e successivamente dare un tono di colore con smalto ad acqua, scegliete i colori che più vi piacciono il risultato sarà allegro e innovativo.
  • Rivestire il fondo della cassetta con carta di giornale e versate del terriccio universale nella giusta quantità in ogni cassetta.
  • Scegliere cosa seminare o piantare, prendete una manciata di semi di varie piante e poneteli nella terra. (Su internet potete trovare innumerevoli calendari della semina)
  • Per ultimo, la cosa più carina, sono le etichette per le vostre piante!! Potete veramente sbizzarrirvi, dai cucchiai vecchi su cui applicate delle etichette adesive, ai bastoncini di legno per gli spiedini su cui applicate dei tappi di sughero, o delle etichette con la sagoma dell’ortaggio, oppure delle targhette di legno verniciate con smalto in grafite per creare una piccola lavagna….insomma usate tanta fantasia!!

Le soddisfazioni piu grandi saranno quando cucinerete queste squisitezze tutte naturali! Buon appetito!

Approfondimenti: accessori, Apertura, Attualità, Bellezza, casa, celebrità, cellulite, consigli di bellezza, consigli sessuali, cronaca, cultura, Diete e Nutrizione, dolce e salato, fai da te, gravidanza, lavoretti, mamma, matrimonio, Melania Rusciano, natura e ambiente, ricette

segui fanpage

segui Francesca Cavallari

ALTRI DI Francesca Cavallari
Livia Riva, finalista al concorso “Ambassadeurs du Champagne 2013”, conosciuta nel settore come “La Dame Du Vin”, ci rilascia questa piacevole e spumeggiante intervista. ..

"Se Dio volesse farci indossare solo scarpe basse, non avrebbe creato lui. .. Manolo! "

Pensando a lui viene in mente la frase che Truffaut fece dire a Jim: «L’avvenire è dei curiosi per professione».
STORIE DEL GIORNO