"Your clothes are all made by Balmain", cantava Peter Sarstedt nel 1969…

La canzone parlava di una ragazza di nome Marie Claire che, partita dai quartieri poveri di Napoli si ritrova a vivere una fortunata vita nella Parigi del lusso e dello sfarzo.

E proprio queste sono le parole d'ordine che contraddistinguono Balmain, nota casa di moda parigina.

Alla morte del suo fondatore, in diversi ne hanno tenuto le redini nel corso del tempo, da Erik Mortensen ad Oscar de la Renta che ne hanno fatto un marchio dal taglio classico e lussuoso.

Le collezioni odierne invece sono guidate da un taglio moderno e all'avanguardia che trova ispirazione nello stile del giovanissimo direttore creativo Olivier Rousteing.

Il suo stile,che si distingue per forme semplici e aderenti arricchite di ricami e decorazioni vistose, è molto apprezzato da star del calibro di Angelina Jolie, Penelope Cruz, Kate Moss.

Ed H&M, brand di punta del circuito low cost che come ogni anno propone collaborazioni con le più note case di moda mondiali (da Stella McCartney a Roberto Cavalli, da Jimmi Choo a Lanvin, per arrivare ad Alexander Wang dello scorso anno) ha voluto unire il suo streetwear con la classe dell'alta moda Balmain.

Una collezione ricca di intarsi damascati, dai tagli semplici e regolari, quasi spigolosi, scollature profonde per lei e doppiopetto per lui, lustrini e paillettes, grandi fasce che non stringono soltanto il punto vita ma anche polsi e collo.

Non ci resta che aspettare il 5 novembre, data di lancio di questa attesissima collezione disponibile in circa 250 negozi H&M di tutto il mondo.

E così anche a noi potranno dire "your clothes are all made by Balmain".  #staytuned!

balmain
balain2