Appassionato comunicatore da anni, vivo a Roma perennemente collegato alla rete, tentando di sfruttarne al massimo le potenzialità, coniugando tecnologia e nuovi media. Mi sono occupato nel tempo dell'ufficio stampa per diverse campagne di comunicazione, tra cui spettacoli teatrali ed eventi culturali e sono stato responsabile della Sezione Cinema del Teatro Valle Fondazione Bene Comune. Co-fondatore e CEO dal 2012 di SeeSound.it, un portale di informazione e guida all'intrattenimento, unisco l’utile al dilettevole come giornalista freelance presso diverse testate come Il Fatto Quotidiano, Fanpage e AgoraVox. Da qualche tempo un'altra passione si è concretizzata in uno sbocco lavorativo, dandomi modo di diventare Digital Pr e Social Media Executive per il Gruppo Roncaglia, grazie al quale tutt'ora mi occupo di diverse campagne pubblicitarie e di comunicazione. Accanito cinefilo, ho fondato nel 2007 insieme ad altri tre sognatori, una casa di produzione cinematografica indipendente, la Bianconiglio Production, con l’intento di dar forma a un progetto creativo, ambizioso e in continuo fermento.
TWITTER

Aureliano Verità

L’atleta Gus Kenworthy in gara a Sochi ha adottato dei cuccioli randagi destinati allo sterminio
I quadri prendono vita nel corto “Beauty” di Rino Stefano Tagliafierro
Banksy ci regala una cartolina di Natale in cui riscrive una scena della Bibbia
Nasce “ViaVai”, il progetto di contrabbando culturale tra Svizzera e Lombardia
Vermeer torna a “dipingere” il grande schermo
I motori di ricerca svolgono un ruolo chiave nella pirateria online
L’Italia è più social degli Stati Uniti specialmente fra agli over 50
Grande successo per la mostra di Manet al cinema
Helmut Newton, uno dei fotografi più emblematici del XX secolo a Roma
questo articolo è a cura di
Lo Stato Sociale vs Guccini
Confronto tra "Mi sono rotto il cazzo" e "l'Avvelenata"
Usare parole a caso in inglese non ti renderà migliore
Ovunque è un fiorire di parole inglesi. Quanto rischia la nostra lingua?
Il movimento social
A chi vive in aree metropolitane può sembrare scontato domandarsi quale quota degli spostamenti urbani è legata alla socialità e quale al lavoro. Le informazioni aggregate e le tendenze non sono così banali da ottenere e potrebbero (dovrebbero) interessare soprattutto i policymakers.
La supremazia del profitto a discapito di un'umanità senza più valori
La globalizzazione sta facendo disastri irrefrenabili acuendo il divario sociale tra le masse sempre più impoverite e veri e propri sceicchi dello sfarzo senza limiti. Un dislivello scaturito da una supremazia del mercato ad ogni costo, ha come conseguenza, una produzione senza regole, anche a costo di cancellare ogni valore, seppure della stessa vita umana. In una società capitalistica come la nostra ha ancora il suo peso, l’onore, la dignità e la considerazione del capitale umano?