dal blog di
19:38

AppsBuilder, viaggio tra le startup italiane

AppsBuilder è la nuova tappa del mio viaggio tra le startup italiane. Sono andato a conoscere Daniele Pelleri, co-fondatore e CEO, il cui primo approccio alla rete avviene a 13 anni, quando il suo hobby erano il C e BASH.

AppsBuilder, viaggio tra le startup italiane.

D) Ciao Daniele e grazie per avermi concesso quest’intervista. Ci spieghi in poche parole che cos’è AppsBuilder?
R) AppsBuilder.com è una piattaforma online, che consente a chiunque, con 4 operazioni da 5 minuti, di creare la propria app in modalità self service e di pubblicarla sui vari marketplace (AppStore, Google Play, BlackBerry World e Window Store). Siamo l’unica realtà italiana, e tra le pochissime a livello mondiale, a offrire un servizio di questo tipo a tariffe low cost (a partire da 19 euro/mese per app), che consente di realizzare app native fai-da-te per tutti i sistemi operativi.

D) Ma come funziona in pratica?
R) Su Apps-builder.com, basta cliccare “Prova gratis” per avviare la procedura guidata che in 4 step consente di selezionare e inserire pagine e contenuti, personalizzare la grafica, definire design e menu, pubblicare e condividere l’app. La funzione di cloud publishing permette, infine, di modificare in tempo reale in piena autonomia le app già pubblicate senza doverle inviare nuovamente agli store, riducendo così tempi e costi di sviluppo. Il tutto è fruibile mediante diverse formule di abbonamento, che rendono più economico un servizio che fino a ieri poteva costare anche decine di migliaia di euro. Le piattaforme supportate sono iPhone/iPod e iPad, smartphone e tablet Android, Windows Phone 7.5 e 8, BlackBerry10 e le web app in HTML5 (il mobile web site). Il vantaggio competitivo di AppsBuilder è quello di offrire un prodotto molto intuitivo, tecnologicamente avanzato ed efficace in termini di abbattimento dei costi, gestione e tempi di sviluppo.

D) A chi è rivolta la piattaforma?
R) Apps-Builder.com introduce nel mondo digitale uno strumento B2C e B2B, destinato a un pubblico potenzialmente molto ampio: dai singoli che vogliono vendere un loro prodotto, pubblicizzare un evento o un’iniziativa in modo moderno e fino a ieri inaccessibile per i costi proibitivi, alle PMI (hotel, ristoranti, negozi, ecc.) che vogliono promuoversi via app, alle agenzie creative che vogliono realizzare app per proporre contenuti digitali dei propri clienti. Per queste ultime, AppsBuilder ha lanciato una piattaforma CMS (Content Management System) e un programma di affiliazione in modalità White Label, che prevede la certificazione come partner nonché supporto in termini di formazione per utilizzarla al meglio.

D) Come nasce AppsBuilder?
R) L’idea e il progetto nascono nell’estate del 2010. Abbiamo sviluppato un prima beta del sito web Apps-Builder.com e a settembre lo abbiamo lanciato. Dopo pochi giorni, con nostra grande felicità e un po’ di sorpresa, alcuni blog del settore hanno iniziato a parlare di noi e centinaia di utenti ci hanno testato. A fine novembre, impressionati dai dati raccolti con una piattaforma sviluppata in 40 giorni, ci siamo resi conto che il portale poteva diventare il punto di riferimento per gli sviluppatori mobile di tutto il mondo. Da una semplice intuizione, poteva nascere un’azienda.

D) Come si è sviluppato il progetto?
R) A un certo punto ci siamo resi conto che non potevamo fare tutto da soli. Fortunatamente la nostra idea è piaciuta a due business angel del Web: Massimiliano Magrini di Annapurna Ventures e Mario Mariani di The Net Value. Entrambi parlano benissimo la lingua di Internet e degli affari. E sanno come costruire aziende a partire dalla tecnologia. Entrambi hanno la voglia di costruire, dare fiducia a forze imprenditoriali fresche e capitalizzare su persone che come noi vivono della passione per la tecnologia, dei media digitali e del mobile. Senza di loro, sarebbe stato molto più difficile intercettare un bisogno reale e trovare i mezzi per soddisfare in modo efficace questa esigenza del mercato.  Dopo qualche mese di incubazione, Magrini e Mariani ci hanno fornito un sostegno finanziario iniziale nella fase di seeding, insieme a tutta la loro preziosa esperienza di imprenditori di lungo corso. Ufficialmente siamo partiti ad aprile 2011, grazie a loro. E sono sempre loro che hanno convinto i gestori dei fondi Vertis Venture e Zernike Meta Ventures a finanziare la nostra startup con un’iniezione di capitale pari a 1,5 milioni di euro.

D) Qual è il vostro business model?
Proponiamo tre diversi pacchetti con abbonamento mensile – Basic, Advanced e Business – a partire da 19 euro al mese. Per sottoscrizioni con pagamento annuale anticipato è previsto uno sconto del 20%. A differenza dei piani Basic e Advanced (che prevedono la creazione di una sola app), quello Business include un pacchetto per la creazione di 6 applicazioni.

D) Quali sono i vostri competitor?
I nostri principali competitor si collocano sul mercato internazionale, in primis quello statunitense: Mobile Roadie, Mobile Conduit, Biznessapps, Shoutem, Appstack, Appbaker, Appsbar e Appdoit.

D) Quali sono gli obiettivi futuri?
R) Quella di AppsBuilder è una scommessa continua. Fra le novità più rilevanti figura il recente restyling della piattaforma con il potenziamento delle funzioni che consentono la personalizzazione delle app create. Un miglioramento introdotto ascoltando i suggerimenti della community di 400mila sviluppatori registrati, capaci di realizzare ogni mese oltre 8000 app. Ci stiamo inoltre focalizzando sul consolidamento dell’internazionalizzazione dell’azienda (ad esempio localizzando il sito nei diversi mercati). I nostri numeri promettono bene: negli ultimi 6 mesi, le app sviluppate attraverso la nostra piattaforma, hanno registrato oltre 4,5 milioni di download. In generale, ci auguriamo che l’esperienza di AppsBuilder possa essere di esempio per le prospettive di altri giovani che come noi puntano a fare impresa grazie alla visibilità internazionale e alla democratizzazione consentite dalla rete.

Grazie Daniele e in bocca al lupo con AppsBuilder!

Approfondimenti: claudio gagliardini

segui fanpage

segui Claudio Gagliardini

ALTRI DI Claudio Gagliardini
A Cremona una grande mostra sull'agenzia fotografica Magnum, dal 31 ottobre 2014 al 8 febbraio 2015, con 110 opere di quattro tra i più famosi reporter della storia.

Cleerk. com è la nuova tappa del mio viaggio tra le startup italiane. Questa volta andiamo a conoscere Leo Orlandini e Simone Righetti, due dei quattro fondatori del sito Cleerk. com e rispettivamente Chief Technology Officer e Direttore Finanziario dell’iniziativa.

WOMS è la nuova tappa del mio viaggio tra le startup italiane. Questa volta andiamo a conoscere Alessandro Zanet, co-fondatore, do questo progetto.
STORIE DEL GIORNO