Classe 1972, toscano, vivo tra Cecina, Rosignano e Volterra, lavoro in rete quindi ovunque. Nell'estate del 1984 vidi il film "War Games - Giochi di guerra" dove udii per la prima volta la parola "modem", uno strumento magico dove, inserita la cornetta del telefono, poteva collegarmi ai computer di tutto il mondo e far scoppiare una guerra termo-nucleare globale. Da qui l'illuminazione su cosa fare da grande: entrare in rete e restarci. Adesso sono quasi 20 anni che "navigo" professionalmente e posso dire di averne viste di tutti i colori.
TWITTER

Antonio Ficai

WebHouse: un blog sul web da scoprire. Intervista ai creatori
L’uovo, un monumento a Twitter
1° #iddrink degli Indigeni Digitali in Toscana: si può fare!
Usare parole a caso in inglese non ti renderà migliore
Ovunque è un fiorire di parole inglesi. Quanto rischia la nostra lingua?
Il movimento social
A chi vive in aree metropolitane può sembrare scontato domandarsi quale quota degli spostamenti urbani è legata alla socialità e quale al lavoro. Le informazioni aggregate e le tendenze non sono così banali da ottenere e potrebbero (dovrebbero) interessare soprattutto i policymakers.
La supremazia del profitto a discapito di un'umanità senza più valori
La globalizzazione sta facendo disastri irrefrenabili acuendo il divario sociale tra le masse sempre più impoverite e veri e propri sceicchi dello sfarzo senza limiti. Un dislivello scaturito da una supremazia del mercato ad ogni costo, ha come conseguenza, una produzione senza regole, anche a costo di cancellare ogni valore, seppure della stessa vita umana. In una società capitalistica come la nostra ha ancora il suo peso, l’onore, la dignità e la considerazione del capitale umano?
Un gatto col gomitolo a Gaza City
L'artista inglese Banksy ha compiuto alcune opere sui muri di Gaza e ha documentato la sua incursione con un video e alcune foto pubblicandole online sul suo sito. Un'azione di denuncia delle condizioni in cui versa la Striscia a quasi un anno dall'ultima operazione militare israeliana.